Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, cimitero di Poggioreale: revoca del sequestro per l'area non interessata dal crollo

Venerdì 8 Luglio 2022
Napoli, cimitero di Poggioreale: revoca del sequestro per l'area non interessata dal crollo

La procura di Napoli ha disposto la revoca del sequestro per l'area del cimitero monumentale di Poggioreale non interessata dal crollo dello scorso gennaio. Accolta così la richiesta avanzata dal sindaco di Napoli Gaetano Manfredi. «L'area dissequestrata, una volta perimetrata, pulita e sistemata - fa sapere il comune di Napoli - potrà essere utilizzata dai familiari dei defunti per l'esercizio della pietas: quando sarà completata tale opera di manutenzione, il comune ne darà comunicazione al fine di far ripartire le visite e far riprendere le attività di polizia mortuaria». La prossima settimana partiranno i lavori di perimetrazione dell'area a rischio crollo».

«Il recupero dei resti mortali dalle cappelle interessate dai crolli - sottolinea il comune - partirà appena arriverà l'autorizzazione della Procura, dando così concreta applicazione all'importante protocollo sottoscritto dal Comune e dai vigili del fuoco nei giorni scorsi. Si avvia a compimento quindi l'iter posto in essere dall'assessore ai Cimiteri Vincenzo Santagada, che ha seguito l'evolversi della questione sin dall'inizio tenendo costantemente i rapporti con i familiari delle vittime, insieme all'assessore alle infrastrutture Edoardo Cosenza». La giunta, prosegue la nota del Comune di Napoli, «ha sempre ritenuto di prioritario interesse procedere al recupero dei resti mortali dai manufatti dissestati o a rischio crollo e favorire la riapertura dell'area cimiteriale non interessata dai dissesti, per consentirne la fruizione. La società metropolitana di Napoli anticiperà gli oneri finanziari indispensabili alla messa a disposizione dei mezzi d'opera necessari al recupero delle salme», conclude la nota

Ultimo aggiornamento: 9 Luglio, 11:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA