Circumvesuviana, chiuse le biglietterie: ma più convogli per Sorrento

Sabato 28 Maggio 2022 di Francesco Gravetti
Circumvesuviana, chiuse le biglietterie: ma più convogli per Sorrento

Aumentano i controlli e le corse, chiudono in parte le biglietterie, con decine di stazioni che resteranno senza presidio dal pomeriggio fino a sera. Buone e cattive notizie per i viaggiatori della Circumvesuviana. Eav, infatti, ha annunciato un incremento, nei giorni festivi, dei treni a tripla composizione (cioè con tre vagoni) lungo la linea NapoliSorrento: passeranno dagli attuali 14 a 28. Un modo per risolvere i problemi di affollamento che si stanno già verificando sulla linea preferita dai turisti e dai vacanzieri mordi e fuggi, una risposta anche alle richieste dei sindaci della penisola sorrentina.

Proprio per fronteggiare il caos, insieme all'incremento delle corse, l'azienda ha deciso di potenziare i servizi di security e di vigilanza armata: personale specializzato nell'antiborseggio e antiscippo dalle 9 alle 21 sarà nelle stazioni e a bordo dei convogli. In particolare, i vigilantes saranno impiegati nelle stazioni lungo la tratta compresa tra Napoli Garibaldi e San Giovanni e nelle stazioni di Torre del Greco, Torre Annunziata, Sorrento, Vico Equense, Ercolano, Pompei, Castellammare durante le fasce orarie più frequentate, e a bordo dei treni delle linee Napoli-Sorrento e Napoli-Sarno, privilegiando le fasce orarie del rientro. Potenziati anche i servizi di controllo dei biglietti nelle stazioni e sui treni, in particolare tra Napoli Garibaldi e San Giovanni, Torre del Greco, Torre Annunziata, Sorrento, Vico Equense, Ercolano, Pompei, Castellammare. Torna anche la manutenzione «volante», con un pool di tecnici che dal terminal di Porta Nolana si sposterà lungo tutte le linee per intervenire in caso di guasto dei mezzi e avarie varie.

Video

A fare da controcanto, però, arriva anche la scure che si abbatterà sulle biglietterie a partire da lunedì: per undici di esse, infatti, ci sarà una drastica riduzione dell'orario. Torre Annunziata, Trecase, Poggiomarino, Centro direzionale saranno aperte dalle 5,50 alle 13,30; Parco Piemonte, De Rugiero, Argine Palasport, Bartolo Longo, Madonnelle e Villa Regina dalle 5,50 alle 12,30 e Barra dalle 5,50 alle 17,33. Le fermate continueranno ad essere attive, ma al di fuori degli orari indicati non sarà possibile fare il biglietto: chi vorrà prendere il treno dovrà arrivare già munito di ticket, che peraltro da qualche tempo può essere comprato anche on line o tramite specifiche app.
Il problema resta quello dei vandali, che potranno agire incontrastati nelle stazioni: alcune di esse, peraltro, sono già da tempo abituali teatri di raid e atti di delinquenza. Il provvedimento si è reso necessario a causa della carenza di personale, che si acuisce nel periodo estivo, quando cominciano le ferie: la situazione economica poco florida impedisce di ricorrere allo straordinario. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA