Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Città della Scienza leader di «Sci-Co»:
il progetto sulla comunicazione scientifica

Lunedì 1 Agosto 2022
Città della Scienza leader di «Sci-Co»: il progetto sulla comunicazione scientifica

La «Fondazione Idis-Città della Scienza» ha vinto un importante progetto europeo, finanziato dal programma Erasmus+, che la vedrà protagonista di una ricerca-azione nel campo della comunicazione scientifica. Il progetto, dal titolo «High Professional Skills» for «Advanced Science Communication», il cui acronimo è Sci-Co+, ha ad oggetto le nuove professionalità e modalità della comunicazione della scienza anche in considerazione della diffusione delle nuove tecnologie e delle nuove tematiche scientifiche che sempre più collegano la scienza e la tecnologia alla società. Il consorzio guidato da Città della Scienza coinvolge prestigiosi partner: Università come la Federico II di Napoli, il Trinity College di Dublino e l’Università Politecnica di Budapest; la rete portoghese di musei scientifici Ciencia Viva; il science centre svedese «Navet»; la «Fondazione Mondo Digitale» di Roma e il Databenc, Distretto ad Alta Tecnologia per i Beni Culturali scarl di Napoli.

Il progetto, che partirà in autunno, avrà la durata di 30 mesi e prevede la realizzazione di attività di ricerca da cui deriveranno percorsi formativi in presenza e online, pubblicazioni e convegni. «Con questo progetto – ha dichiarato Riccardo Villari, presidente di Città della Scienza – la nostra istituzione oltre che produrre comunicazione scientifica, continua anche a farne oggetto di ricerca teorica, sviluppando al contempo nuove competenze e figure professionali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA