Ercolano, la mobilitazione in ricordo di Salvatore Barbaro, ucciso dai clan per errore

Mercoledì 13 Novembre 2019

A dieci anni di distanza da quel terribile omicidio, Salvatore Barbaro, vittima innocente di camorra, garzone di salumeria e cantante per passione, è stato ricordato con un incontro pubblico a Ercolano. Lui il 13 novembre 2009 fu scambiato per un affiliato al clan rivale solo perchè aveva il suo stesso modello di auto e dunque ucciso per errore.

LEGGI ANCHE Neomelodico ucciso per errore nel Napoletano, due ergastoli

Davanti alla lapide in via Mare, fatta erigere in sua memoria, nel luogo in cui avvenne l'omicidio questa mattina i familiari, gli amministratori comunali, l'associazione Libera, Fai antiracket, Radio Siani hanno ricordato l'episodio e deposto una corona di alloro, alla presenza di Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Polizia Municipale. La commemorazione è stata preceduta da un incontro pubblico nell'auditorium del Museo archeologico virtuale insieme ad alunni dell'istituto superiore 'Tilgher' dove la sorella Agnese, con accanto la madre Giovanna e il fratello Mario, ha detto: «Oggi voglio ricordare Salvatore da vivo perché lui non meritava quella fine. Lui è un fratello vostro e di questa terra. In questi dieci anni mi è capitato di covare odio ma ad un certo punto mi sono fermata e ho detto che devo combattere per Salvatore perché non deve essere dimenticato».

LEGGI ANCHE Ucciso dalla camorra, il killer sbagliò e fu pagato 800 euro: 3 ergastoli

Il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto ha detto: «Ritengo che Salvatore meriti di avere una strada a lui intitolata nel luogo in cui è accaduto quel tragico incidente. Mi auguro che a breve quella via, una volta che la giunta avrà accolto la mia proposta, si chiamerà strada Salvatore Barbaro e possa essere l'esempio di un passato che non ha portato nessuna ricchezza ma solo macerie e dolore ma soprattutto un passato che non dovrà tornare più». (ANSA)

Ultimo aggiornamento: 13:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA