«Caro estinto», demolito il capannone del clan Cesarano

Venerdì 26 Febbraio 2021 di Ferdinando Bocchetti
«Caro estinto», demolito il capannone del clan Cesarano

Il 25 febbraio del 2020 i carabinieri della Compagnia di Marano arrestavano il defunto Alfonso Cesarano, l'indiscusso «re delle pompe funebri» dell'area flegrea e giuglianese, per molti anni a capo dell'omonima azienda, tra le più note del settore. Ieri, dodici mesi dopo quell'arresto, è stato demolito il capannone abusivo di via Commone, di proprietà dei Cesarano, simbolo di un potere (enorme) a lungo esercitato nel comune di Calvizzano e...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA