Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mugnano, clan Orlando: restano in carcere i 5 che favorirono la latitanza del super boss

Giovedì 12 Dicembre 2019 di Ferdinando Bocchetti
Mugnano, clan Orlando: restano in carcere i 5 che favorirono la latitanza del super boss
Restano in carcere le cinque persone che favorirono la latitanza del super boss Antonio Orlando (nella foto), alias Mazzolino, arrestato a Mugnano nel novembre di un anno fa. Il tribunale del Riesame ha infatti respinto il ricorso presentato legali di Luigi Esposito, meglio noto come 'o Celeste, elemento di punta del clan di Marano, Sabatino Russo, ritenuto contiguo al clan Orlando e ai clan dell'area giuglianese, Carlo Antonio Maiello, titolare di un'agenzia immobiliare, Vincenzo Lauro e Nicola Napolano.

Questi ultimi tre, secondo la ricostruzione dei magistrati della Dda di Napoli, avrebbero messo a disposizione del boss di Marano documenti d'identità, auto, una casa e persino un abbonamento a Sky. Ricorso respinto anche per il capoclan.
© RIPRODUZIONE RISERVATA