Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Comitato di liberazione dalla camorra dell'area ovest di Napoli, Nicola Barbato come presidente onorario

Martedì 21 Giugno 2022
Comitato di liberazione dalla camorra dell'area ovest di Napoli, Nicola Barbato come presidente onorario

Con i parroci Don Fabio De Luca e Don Pasquale Giglio ci sarà il senatore Sandro Ruotolo e i rappresentanti delle associazioni, delle scuole, commercianti, gruppi di volontariato. All'evento parteciperà Nicola Barbato, sovrintendente della polizia di Stato e medaglia d'oro al valore civile, che ritorna nel quartiere Fuorigrotta per la prima volta dopo quel 25 settembre 2015 quando nel corso di un servizio antiracket fu gravemente ferito a colpi di pistola da un esattore del pizzo. Nicola Barbato sarà il presidente onorario del «Comitato di liberazione dalla camorra dell'area ovest di Napoli» che si prefigge, come accade in altre zone di Napoli e della Città Metropolitana, di liberare i territori dalla cappa oppressiva della criminalità organizzata che a Fuorigrotta, in particolare, negli ultimi tempi ha raggiunto una preoccupante escalation di violenza con un visibile peggioramento ambientale, educativo e sociale del quartiere dell'Area Ovest di Napoli.

Il «Comitato di liberazione dalla camorra dell'area ovest di Napoli» aggrega e coordina realtà diverse del territorio. Dopo una serie di riunioni e una campagna di ascolto dei bisogni del quartiere di Fuorigrotta ha elaborato una piattaforma con dieci punti programmatici che saranno posti all'attenzione delle istituzioni. Siamo convinti che il cambiamento passi attraverso la responsabilizzazione dei cittadini. È fondamentale rivolgersi agli indifferenti, a coloro che si sentono disillusi e scoraggiati tanto alla fine, non cambia nulla. Per noi vale quel o si è contro la camorra o si è complici della camorra”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA