Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Contributi pubblici per l'emergenza Covid, indagato Polverino junior: le sue ditte sono interdette per mafia

Mercoledì 18 Maggio 2022 di Ferdinando Bocchetti
Contributi pubblici per l'emergenza Covid, indagato Polverino junior: le sue ditte sono interdette per mafia

Era destinatario di due interdittive antimafie Vincenzo Polverino, l'imprenditore indagato dalla Guardia di Finanza per indebita percezione di finanziamenti e contributi pubblici connessi all'emergenza Covid. Le Fiamme Gialle hanno sequestrato beni, mobili e immobili, per un valore di 240 mila euro. 

Polverino è il figlio del super boss Giuseppe Polverino, a capo dell'omonimo clan. Il giovane imprenditore avrebbe omesso - all'atto di richiesta dei finanziamenti pubblici - di indicare (come previsto dalle normative vigenti) di essere stato destinatario di ben due interdittive antimafie disposte un paio di anni fa dalla prefettura di Napoli.

Polverino è inoltre rinviato a giudizio (per associazione mafiosa) in un processo che si sta celebrando a Napoli nord. Una delle sue attività, una macelleria, era attiva fino a un anno e mezzo fa nel centro di Marano

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 08:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA