Virus, l'allarme delle ditte funebri a Napoli: cimitero di Poggioreale senz'acqua, wc fuori uso

Lunedì 24 Febbraio 2020

«Al Cimitero di Poggioreale manca l’acqua e da circa un mese quasi tutti i servizi igienici sono fuori uso. In un luogo del genere per visitatori e operatori attenersi alle raccomandazioni per contenere l’epidemia di Coronavirus è praticamente impossibile. Abbiamo letto le rassicurazioni del primo cittadino di Napoli Luigi de Magistris ma, nel concreto, cosa si fa?». Questo l’atto d’accusa di Gennaro Tammaro, delegato EFI per Napoli e la Campania, che in piena emergenza Coronavirus a livello nazionale prova a spiegare come “la sufficienza con cui viene gestito l’intero comparto cimiteriale non permette di assicurare una fruizione dei luoghi di culto in totale sicurezza” in questo momento storico.

LEGGI ANCHE De Magistris: Coronavirus, farò di tutto per tutelare Napoli

Ma non è solo questo a preoccupare gli impresari funebri del sindacato di categoria. «Centinaia di persone sono agglomerate in spazi angusti e lunghe code fuori gli uffici della Citelum, la società chiamata ad assolvere al ruolo un tempo di Selav. Nessuna area di sosta e di attesa per questi utenti, perlopiù anziani. Nemmeno un dispenser di gel disinfettante. Tutto frutto di un caos in cui il comparto è piombato da mesi e di cui il Comune di Napoli ha grandi responsabilità. Non riusciamo a comprendere da dove provenga tutta questa sicurezza dell’Amministrazione nei confronti dell’epidemia quando nel quotidiano nemmeno le più basilari norme igieniche sono in grado di garantire».
 

Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio, 07:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA