Coronavirus a Napoli: «Covid center all'ospedale del Mare, si lavora anche a Pasqua»

Venerdì 10 Aprile 2020

«Il lavoro di montaggio dei moduli per il covid center dell'Ospedale del Mare sono terminati, ora stiamo allestendo gli impianti medici, lavoreremo anche il giorno di Pasqua». Così Ciro Verdoliva, direttore generale dell'Asl Napoli 1 fa il punto sulla costruzione dell'ospedale prefabbricato nel quartiere napoletano di Ponticelli, destinato ad avere 48 posti di terapia intensiva che diventeranno poi 72 nella seconda fase. «Il cronoprogramma prosegue - spiega Verdoliva - e martedì verranno fatte le pulizie. Ricordo che questo ospedale è stato pensato per fare fronte a un improvviso scenario da guerra assoluta al covid19 a Napoli e provincia. I posti saranno occupati quando saranno finite le terapie intensive negli ospedali che stanno già accogliendo i pazienti. Quindi se ho un letto in terapia intensiva al Loreto Mare o al Cotugno, il paziente andrà lì, se è tutto pieno sarà portato al covid center. È un ospedale pensato per essere pronti a tutto».
 

Anche la dotazione di sanitari verrà parametrata agli ospiti: «Abbiamo già inviato gli ordini di servizio - spiega Verdoliva - per i medici, gli infermieri e gli operatori socio sanitari necessari. Ma verranno man mano che arriveranno i pazienti, ci sarà quindi la quantità di operatori necessari al numero di pazienti ricoverati. In quello scenario di guerra assoluta, dei reparti di altri ospedali saranno spenti e porteremmo a Ponticelli quei sanitari». Il covid center da martedì si arricchirà: mentre finiranno gli allestimenti dei primi 48 posti di terapia intensiva, arrivano infatti i tir con i moduli per altri 24 posti, per arirvare al numero finale di 72.

© RIPRODUZIONE RISERVATA