Coronavirus a Napoli, cazzotti ai vigilantes del Cardarelli: setto nasale rotto

Lunedì 16 Marzo 2020

In piena emergenza Coronavirus ancora aggressioni al personale ospedaliero di Napoli. La denuncia arriva dalla pagina Facebook «Nessuno tocchi Ippocrate».

«Al Cardarelli, nella tenda della protezione civile, erano ricoverati dei pazienti con sospetto Covid19-  rcconta una guardia giurata- improvvisamente arriva un ragazzo con i parenti che accusava malore. Di punto in bianco decide di andarsene perché non voleva aspettare i dottori che erano impegnati per un caso più urgente. Dopo essersene andato, accompagnato dai genitori che insistevano a farlo rimanere, circa 10 minuti dopo ritorna con gli stessi parenti in piena crisi, lo soccorrono, ma all'improvviso ,mentre lo portano dentro, agisce in un modo violento contro infermieri e vigilanza. Questo ragazzo sferra un cazzotto al vigilante e gli rompe il setto nasale e all'altro vigilante il labbro,le infermiere con camici strappati».

 

Ultimo aggiornamento: 17 Marzo, 07:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA