Coronavirus in Campania, muore giovane dipendente della Seda Italy di Arzano. Esposto Cgil: «In fabbrica non è stata garantita sicurezza»

Lunedì 30 Marzo 2020
«Abbiamo appena appreso della morte di un giovane lavoratore dell’azienda Seda Italy di Arzano a causa del Covid 19. Esprimiamo il nostro dolore per un'altra vittima di questa terribile epidemia e vicinanza alla famiglia per la grave perdita. Il mondo delle fabbriche sta pagando un prezzo troppo alto in termini di perdite di vite umane - spiega Alessandra Tommasini, segretario generale Slc Cgil Napoli -  Avevamo nei giorni scorsi denunciato all'azienda il rischio per i lavoratori, a causa del numero elevato di persone all’opera nello stabilimento (circa 1000)  e per questo abbiamo inoltrato denuncia presso le autorità competenti circa la mancata attivazione della protocollo di sicurezza per il contrasto al Covid 19. Adesso la fabbrica deve fermarsi  e in maniera chiara e definitiva mettere in atto quanto previsto dalle disposizioni. Alla luce di ciò viene proclamato lo sciopero che resterà in atto fino a quando Seda non metterà in sicurezza tutti i lavoratori». Ultimo aggiornamento: 20:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA