CORONAVIRUS

Covid a Napoli, autobus e metropolitana tra tanti stop e nessun distanziamento

Sabato 3 Ottobre 2020 di Paolo Barbuto
Covid a Napoli, autobus e metropolitana tra tanti stop e nessun distanziamento

Sui vagoni della Metro e sui bus la ressa è costante, quotidiana e incontrastata; tra il personale Anm cresce l’allarme per i casi di contagio che ieri sono aumentati di altre due unità ma che potrebbero moltiplicarsi a vista d’occhio perché i controlli sanitari dell’azienda si sono rivelati poco attendibili. Nel bel mezzo dell’allarme pandemia si piazza lo scontro frontale tra il sindaco de Magistris e i lavoratori accusati di utilizzare la malattia per un braccio di ferro sindacale. Il sindaco di Napoli giovedì ha definito “criminale” il comportamento di chi si mette in malattia e ieri ha rincarato la dose: «Sono assolutamente convinto e persuaso che si tratti di condotte criminali e mi assumo la responsabilità di affermare che le assenze non sono assolutamente per malattia. Ho le ragioni per dirlo e quando qualcuno mi convincerà del contrario chiederò pubblicamente scusa».

LEGGI ANCHE Covid a Napoli, 605 nuovi positivi e tre morti in tre giorni

I sindacati hanno difeso strenuamente i lavoratori, chi era in malattia sta valutando la possibilità di far scattare un’azione legale nei confronti del primo cittadino ma nessuno vuol metterci la faccia per paura di ritorsioni: «In trent’anni di lavoro ho fatto solo 4 giorni di assenza - dice un lavoratore che, ovviamente, chiede l’anonimato - ho la mia età, ho avuto un problema alla schiena che mi ha bloccato e ho chiesto un giorno di malattia, il quinto nella mia vita lavorativa. Poi ho scoperto che per il sindaco di Napoli la mia condotta è criminale e lui ha le prove della mia finta malattia. Non sono nemmeno arrabbiato, sono solo schifato...».
es
Ieri a far montare la furia del sindaco è stato lo stop di due funicolari su quattro, quella di Chiaia e quella di Mergellina che sono rimaste senza presidio perché il personale s’è dato malato. Nuove invettive, ovviamente. Però sembra che dietro la richiesta di restare a casa ci sia una questione estremamente delicata e legata al Coronavirus: un addetto della funicolare di Chiaia ha il padre e la sorella che hanno scoperto il contagio negli ultimi due giorni, lui stesso teme di essere contagiato e ha chiesto di rtare in quarantena fino ai risultati del tampone, con lui tutta la squadra di lavoro avrebbe prudenzialmente chiesto di non entrare a contatto con gli utenti finché non avranno risultati diagnostici che ne attestano la negatività. 
 

Video

Il tema dell’affollamento dei mezzi è all’ordine del giorno. Sempre più spesso gli autobus vengono presi d’assalto quando tentano di evitare una fermata per aver raggiunto il massimo di passeggeri trasportabili; sempre più spesso vengono diffuse immagini della metropolitana stracolma dove si viaggia incollati gli uni agli altri senza che nessuno controlli e senza il previsto stop alla circolazione dovuto per legge quando il carico antropico è eccessivo. Di fronte a queste emergenze l’Anm resta a guardare, senza armi da utilizzare, senza alternative da mettere in campo: pochi mezzi a disposizione significano poche corse affollate, prendere o lasciare. Prendere il virus, ovviamente, in queste condizioni.

LEGGI ANCHE Il Loreto Mare si illumina in ricordo del medico Ascione

Dopo aver scoperto la positività di un ausiliario del traffico del Vomero (ricoverato e solo ieri uscito dalla terapia intensiva), l’Anm che gestisce il settore dei vigilini ha spedito a fare il test a tutto il gruppo che ha lavorato con l’ammalato. In otto sono stati sottoposti al test rapido, il “pungidito” che ha accertato la negatività di tutti i lavoratori. Solo che un paio di loro (lo leggete nell’intervista qui sotto) non si sono fidati, sono andati a fare il tampone e ieri hanno accertato la positività al Coronavirus. Ovviamente tra il primo test e il tampone sono stati regolarmente al lavoro assieme ad altri colleghi, negli stessi uffici, nelle stesse auto, hanno utilizzato anche gli stessi tablet per le contravvenzioni e hanno avuto contatti con centinaia di cittadini.

L’azienda ha spiegato che il test “pungidito” ha un’attendibilità del 98 per cento ma ha ammesso l’errore e ha richiamato tutti i dipendenti che oggi andranno a fare il tampone per scoprire se sono realmente negativi o se sono diventati “untori” per colpa dell’azienda.

Sulla vicenda è intervenuto duramente il sindacato Usb che in una nota a firma di Marco Sansone e Adolfo Vallini ha tuonato contro la superficialità dei test aziendali e ha preteso che «tutti i dipendenti entrati a contatto con i contagiati siano sottoposti a tampone rino-faringeo».

Ultimo aggiornamento: 07:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA