Covid a Napoli, la rabbia del padre di Lenù nell'Amica geniale: «Chiuso in casa da un mese in attesa del test»

Venerdì 9 Ottobre 2020 di Giuliana Covella

«L'Asl di Napoli non ci invia l'unità mobile domiciliare per i tamponi, dopo circa un mese di isolamento fiduciario causa Covid-19». Comincia così il post che l'attore Luca Gallone, noto a tutti per aver interpretato il papà di Elena nella fiction L'Amica geniale, ha pubblicato mercoledì pomeriggio sul suo profilo Facebook. Un dramma, quello della quarantena forzata in attesa di tampone, vissuto da tanti napoletani in questi giorni, alla luce della nuova ondata Covid. Un disagio che, nel caso di Gallone come di altre famiglie, assume proporzioni ancor più drammatiche dato che a essere in isolamento è l'intero nucleo familiare. In realtà l'isolamento fiduciario è una misura molto importante per evitare la trasmissione del virus, che viene applicata ai contatti stretti di casi confermati di Covid-19 e prevede di rimanere a casa per 14 giorni. Ma soprattutto secondo i protocolli serve a consentire di effettuare i tamponi a tutti i soggetti coinvolti. Cosa che, a detta di Gallone, non sarebbe avvenuta per la sua famiglia. 

LEGGI ANCHE Covid Campania, è allarme per i contagi familiari

La denuncia del grave disagio, soprattutto psicologico, vissuto da tante famiglie ha toccato anche il mondo dello spettacolo. È il caso di Luca Gallone, attore partenopeo di 39 anni reso famoso dalla fiction di Saverio Costanzo L'Amica geniale andata in onda su Rai 1, dove interpretava Vittorio, il papà di Lenù (Elena Greco, amica inseparabile di Raffaella Cerullo detta Lila, per intenderci), ma visto anche in Gomorra, Un posto al sole e La Squadra. Gallone ha raccontato così sui social le vicissitudini che da un mese è costretto a vivere insieme ai suoi familiari, perché l'Asl di appartenenza non ha ancora inviato a casa gli operatori sanitari per effettuare i tamponi a tutti. «Oggi, 7 ottobre, la mia libertà personale e quella della mia famiglia, poiché non ci possiamo muovere di casa, è del tutto abusata e limitata» - scrive su Facebook l'attore, che prosegue parlando di «diritti calpestati», riferendosi ad ogni componente della sua famiglia. Una quarantena a cui Gallone e i suoi parenti si sono sottoposti a scopo precauzionale, in attesa di avere il responso sulla possibilità di aver contratto o meno il virus e, quindi, di essersi contagiati.

Video

Il post ha subito fatto il pieno di like e di commenti negativi contro la presunta mancanza del servizio sanitario. Commenti dai quali sono poi scaturite numerose condivisioni di contatti dell'attore sui propri profili Facebook. «Vuoi che lo facciamo girare?», «Condivido», «Condivido anch'io», tra i tanti commenti cui sono seguite fino a ieri 62 condivisioni. E ancora: «Ma assurdo!», «Terribile», «Allucinante! Però l'Asl è tempestiva a fare i tamponi e a far uscire i positivi, ma non ha la stessa urgenza nel far uscire i guariti! Qualcosa non torna», scrive un altro utente. «Ma come è possibile? A Milano appuntamento a massimo due giorni e risultato dopo 24/48 ore. Assurdo!», si legge in un altro commento al post. E addirittura c'è chi suggerisce di «partire con una querela alla Procura della Repubblica». Effetto dei social, che dopo un post del genere hanno scatenato parole di stupore e indignazione. «Ci sono responsabilità ben precise dell'ente preposto - si sfoga ancora Gallone - non possiamo essere vittime di queste assurde e palesi mancanze». «Se non è sequestro di persona questo, ditemi voi cos'è. La pazienza è finita. Il mio totale rispetto delle norme e dei protocolli esistenti è diventato la mia prigione e quella della mia famiglia». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA