Coronavirus, incubo sciacallaggio a Napoli: mascherina in vendita a 10 euro

Lunedì 24 Febbraio 2020 di Melina Chiapparino

A Napoli è caccia alle mascherine, ai disinfettanti e alle scorte alimentari. Nelle ultime 48 ore, le farmacie sono state prese d'assalto e, i più impazienti, hanno ordinato su Amazon provviste dei presidi igienico-sanitari che iniziano a scarseggiare in città. Le recenti notizie dei contagi nel nord Italia hanno decisamente alzato il livello di allarme anche in terra partenopea dove si cominciano a registrare dei cambiamenti significativi nelle abitudini di molti cittadini. Le scene si sono replicate in tutti i quartieri napoletani: carrelli della spesa carichi di generi di prima necessità, scorte di Amuchina e salviettine disinfettanti e, ancora, la corsa nelle farmacie per accaparrarsi più mascherine possibili.
 

 

Nelle farmacie napoletane, tra sabato e domenica, le mascherine scarseggiavano. Nella gran parte dei punti vendita erano terminate. In altri casi, le forniture decisamente limitate come numero a disposizione della clientela sono state contingentate. In pratica, considerando la scarsa quantità di mascherine a disposizione, i farmacisti hanno consentito a ciascun utente di non comprare un numero maggiore di due scatole a testa, così da permettere anche ad altri di rifornirsi. Questo controllo dell'acquisto, ad esempio, è avvenuto nella farmacia Astuni su via Piscicelli dove ogni scatola, contenente 3 mascherine monouso, è stata venduta al prezzo di 3,80 euro. La difficoltà nel reperimento di questo presidio si è verificata soprattutto nelle farmacie della zona ospedaliera, dove molti punti vendita hanno comunicato ai clienti di ricevere i rifornimenti a partire da questa mattina, come la farmacia De Tommasis, in piazza Francesco Muzii all'Arenella. In questo caso, arriveranno scatole monodose con una sola mascherina al prezzo di 2.50 euro ciascuna.

LEGGI ANCHE Scatta la task force a Napoli: «Ma servono più tamponi»

Nelle mire di chi ha preso d'assalto le farmacie ma, in questo caso, anche i supermercati, ci sono i disinfettanti, a cominciare dall'Amuchina. Sono andati a ruba i formati portatili, da tenere in borsetta, e le salviettine ma la razzia riguarda anche le bottiglie per uso casalingo. Sia per le mascherine che per i prodotti igienizzanti, il Coronavirus ha favorito gli speculatori facendo schizzare i prezzi degli articoli maggiormente richiesti. «I cittadini ci hanno segnalato uno spaventoso aumento dei prezzi delle mascherine in alcune farmacie della Campania - ha denunciato Francesco Borrelli, consigliere regionale dei Verdi - ci sono arrivati scontrini che marcano una sola mascherina al costo di più di 10 euro e spesso si tratta di maschere che non sono nemmeno adatte allo scopo». Il prezzo dell'Amuchina è schizzato soprattutto nelle tabaccherie e nei piccoli market ma anche su Amazon, dove una bottiglietta da 80 ml che normalmente costava 3 euro ora è in vendita a 22 euro.
 


Nei supermercati c'è stato chi si è riempito il carrello di farina, pasta e generi di prima necessità prevedendo scenari da quarantena o eventuali isolamenti forzati. C'è da dire che la corsa al carrello pieno è stato un fenomeno decisamente più limitato dell'assalto alle farmacie e ha coinvolto un'utenza di persone anziane e con maggiori difficoltà a muoversi quotidianamente. È il caso di dire, invece, che l'età non c'entra niente con la diffusione dell'abitudine del monouso. Da un paio di giorni nei bar napoletani si è registrato un aumento di quasi del 40% dell'uso di bicchieri e bicchierini da caffè in carta e cartone. «La richiesta del monouso arriva persino dalle persone che si siedono ai tavolini e dalla clientela che non ha mai avuto questa abitudine - spiega Vincenzo De Simone del bar Prestige, nella zona del Cardarelli - è un chiaro segnale di un'attenzione diversa e indotta dalla paura del Coronavirus». 

Ultimo aggiornamento: 10:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA