Coronavirus, l'annuncio del ricercatore napoletano: «Farmaco anti-artrite, parte la sperimentazione»

Giovedì 19 Marzo 2020

Sta per partire «in queste ore la sperimentazione del farmaco anti-artrite tocilizimab contro la polmonite da Covid-19, dopo l'utilizzo preliminare che ne è stato fatto. Contemporaneamente continuerà il trattamento off label. Dunque coloro che non dovessero rientrare nella sperimentazione potranno comunque farne richiesta all'azienda, gratuitamente». A dirlo è Paolo Ascierto, presidente Fondazione melanoma e direttore dell'Unità di oncologia melanoma, immunoterapia oncologica e terapie innovative dell'Istituto tumori Irccs Fondazione Pascale di Napoli, che sta utilizzando il farmaco anti-artrite reumatoide tocilizumab nel trattamento della polmonite interstiziale da Covid-19.

LEGGI ANCHE Bufera social su Striscia dopo il servizio sulla «figuraccia di Ascierto»

«Tocilizumab è un farmaco già pronto, era usato contro l'artrite reumatoide e per il trattamento collaterale dell'immunoterapia anti-cancro», ha spiegato l'oncologo. «Tecnicamente il tocilizumab è un immunosoppressore, e agisce contro l'interleuchina-6. L'esperienza più grande con questo farmaco ci viene proprio dalla cura dei tumori con l'immunoterapia. Quando noi stimoliamo molto il sistema immunitario per combattere il tumore, infatti, si provoca un effetto collaterale che è il distress respiratorio, molto simile a quello che vediamo con Covid-19. Anche qui c'è un eccesso di attivazione del sistema immunitario: tocilizumab riduce l'azione eccessiva e controproducente del sistema immunitario che provoca l'infiammazione degli alveoli polmonari. È un uovo di Colombo, come diciamo noi. Grazie al fatto che i cinesi l'avevano usato su 21 pazienti, con miglioramenti in 24-48 ore, abbiamo pensato di trattare i primi» infettati da nuovo coronavirus.

Ultimo aggiornamento: 10:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA