Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus nel Napoletano, 20 positivi in un macello: tamponi per tutti gli addetti

Martedì 8 Settembre 2020 di Marco Di Caterino
Coronavirus nel Napoletano, 20 positivi in un macello: tamponi per tutti gli addetti

Caivano. La maledizione dei cluster del virus nei macelli. L’ultimo in ordine di tempo, con venti operai positivi al tampone, nell’azienda di macellazione avicola, Imac di Caivano. La “bolla” epidemica è stata comunicata ufficialmente, dopo i risultati delle analisi quasi in contemporanea dalle Asl di Napoli e Caserta (dove risiedono alcuni operai contagiati). A fare da contrappeso, però anche una notizia più che positiva, con il risultato di ben cinquanta tamponi effettuati tra i colleghi dei contagiati, risultati tutti negativi. Nelle prossime ore, assicurano dalla direzione dell’Asl Napoli 2 Nord, verranno effettuati tamponi al tutti i dipendenti dell’azienda, mentre proseguirà l’indagine epidemiologica per tracciare gli spostamenti dei “positivi” all’interno dello stabilimento, per decidere nel caso, anche la chiusura della Imac con relativa sanificazione di tutti i locali. E come avviene per questi “cluster” verranno tracciati anche gli spostamenti e i contatti dei contagiati al di fuori dell’azienda. 

LA GEOGRAFIA
Per quello che è stato possibile sapere, i venti operai positivi al tampone rinofaringeo, tra questi una decina di cittadini extracomunitari, sono residenti tutti nella fascia dei comuni a cavallo tra le province di Napoli e Caserta. Le loro condizioni non destano preoccupazioni e al momento tutti sono in isolamento nelle loro rispettive abitazioni: solo alcuni hanno lievi sintomi. Resta da accertare quale sia stato il paziente zero di questo “cluster”, in quale reparto operava, ma anche accertare nell’indagine epidemiologica se invece l’attività lavorativa lo ha portato anche in altri siti interni allo stabilimento favorendo così il propagarsi del contagio. 

LEGGI ANCHE Coronavirus a Napoli, task force anti-contagio: «Controlli e tamponi rapidi, così evitiamo nuovi focolai»

I DUBBI
In quest’ultimo caso, l’Asl potrebbe decidere la chiusura di tutte le attività per una sanificazione dell’interno stabilimento. Una cosa non da poco, anche perché la chiusura, seppure temporanea, causerebbe ingenti danni economici a tutta la filiera della Imac, il cui vanto è quello di curare il suo prodotto dal pulcino attraverso gli allevamenti posti in posizione ottimale nelle zone del molisano e delle province del Beneventano, fino alla macellazione che avviene nello stabilimento di Pascarola. Ora la tegola del Covid-19, una vera maledizione per i macelli di tutto il nostro paese, che rischia uno stop lavorativo ad un’azienda che in oltre sessanta anni di attività si è guadagnata una larghissima fetta di mercato, arrivando ad essere una delle primarie aziende del centro sud Italia nel settore carni fresche di pollo, tacchino e coniglio, sia intere sia in confezioni a porzioni.
 
Video

Ultimo aggiornamento: 9 Settembre, 11:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA