Coronavirus, pronte le misure anti-contagio dei sindaci dell'area vesuviana

Domenica 23 Febbraio 2020 di Paola Russo

L’apprensione da Coronavirus non risparmia i sindaci dell’area vesuviana, che nelle ultime ore, dopo essersi più volte confrontati sono giunti a una decisione comune. I primi cittadini di Portici, San Giorgio a Cremano, Ercolano, San Sebastiano al Vesuvio, Cercola, Massa di Somma, Volla, Sant’Anastasia, Pollena Trocchia, Torre del Greco e Somma Vesuviana hanno difatti concordato su un testo che domani sarà ufficializzato e diramato ai cittadini.

«Tutte le persone interessate da spostamenti da e per le zone interessate dal focolaio di diffusione del Coronavirus - si legge sul documento che sarà firmato dagli amministratori - devono comunicare al sindaco o agli uffici di polizia municipale, del comune di residenza, i loro spostamenti o la data di arrivo sui propri territori».

LEGGI ANCHE Coronavirus, l'ira di de Magistris a Napoli: «Basta strumentalizzazioni politiche»

Misure che i sindaci hanno deciso di intraprendere alla luce della inquietante crescita dei sospetti di contagio in varie zone al Nord del Paese. Per ora, quindi, a differenza delle più rigide e restrittive ordinanze riguardanti le aree vicine ai focolai, saranno queste le direttive delle autorità per i comuni firmatari del documento. 

«Tra domani e dopodomani, data l’interruzione delle attività scolastiche legata al Carnevale, effettueremo, concordi i dirigenti scolastici, una pulizia straordinaria per tranquillizzare i cittadini che hanno preoccupazioni sui luoghi in cui studiano i nostri bambini», assicura il sindaco di San Giorgio a Cremano Giorgio Zinno annunciando anche manifesti telefonate preregistrate per spiegare le corrette norme igieniche da seguire e lavaggio stradale e dei marciapiedi più intensi. 

Ultimo aggiornamento: 22:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA