Coronavirus a Napoli, sequestrati igienizzanti e mascherine non a norma

Giovedì 9 Aprile 2020

Oltre 5700 confezioni igienizzante per le mani e circa mille mascherine non a norma sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza tra Napoli e provincia. I rappresentanti di due società, accusati di vendita di prodotti industriali con segni mendaci, sono stati denunciati e ora rischiano due anni di reclusione e una multa fino a 20mila euro.

LEGGI ANCHE Sequestrati 10 motorini per portare pizze 

Sulle confezioni del gel, infatti, erano stati fatti stampare simboli e scritte ingannevoli, del tipo «è in grado di eliminare fino al 99,9% di batteri, funghi e virus». Gel e mascherine sono state individuate dalle fiamme gialle del primo Nucleo Operativo Metropolitano rispettivamente a Brusciano  nei quartieri Chiaia e Arenella di Napoli, anche grazie alle segnalazioni al 117 e dopo approfondimenti eseguiti su piattaforme di e-commerce. Le mascherine venivano prodotte da due imprese di abbigliamento e antinfortunistica di Napoli, e vendute a farmacie di Foggia e del capoluogo partenopeo, senza le autorizzazioni dell'ISS. 
 

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA