CORONAVIRUS

Fase 2, a Ercolano la protesta dei marittimi precari: «Noi ridotti alla fame»

Lunedì 4 Maggio 2020 di Francesca Mari

La fase due si apre con le proteste ad Ercolano e con gli effetti della crisi economica causata dalla pandemia. Questa mattina un gruppo di circa 50 marittimi precari ha manifestato davanti al Museo Archeologico Virtuale rivendicando il proprio diritto al lavoro. La protesta dal Mav si è spostata in prossimità dei sindacati cittadini, alcuni giorni passanti hanno contestato gli assembramenti anche se i contestatori hanno precisato di rispettare le regole.

LEGGI ANCHE Napoli, la municipalità Vomero: «Riaprire la pista del Collana»

«Siamo giovani marittimi con famiglie e figli a carico- ha detto Antonio Porcelli, portavoce- ma non lavoriamo da quattro mesi, per di più con l’arrivo della pandemia ci siamo fermati e non abbiamo rivenuto alcun sussidio. Apparteniamo al Turno particolare di Riserva (Tpr), quindi lavoriamo solo alcuni mesi all’anno e, adesso, ovviamente stiamo a casa. Paghiamo le tasse come tutti, ma non ci spettano contributi. Chiediamo allo Stato e agli armatori di farci lavorare, di non calpestare i nostri diritti, siamo trattati peggio dei cani, che comunque non devono mai essere maltrattati.
 


Chiediamo di essere regolarizzati e di lavorare almeno 30 giorni. Sismo disperati e non sappiamo come dar da mangiare ai nostri figli». Il movimento spontaneo di marittimi di Ercolano ha annunciato per domani una manifestazione al Porto di Napoli.

Ultimo aggiornamento: 13:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA