Don Ciotti in corteo per il fiume Sarno: «Tutelare la natura è tutelare la vita»

Mercoledì 20 Novembre 2019

«La tutela della natura e la giustizia sociale sono un binomio inscindibile, la faccia di una stessa medaglia chiamata vita». Sono le parole usate dal fondatore di Libera, don Luigi Ciotti, che questa mattina ha partecipato ad un corteo di studenti a Torre Annunziata nell'ambito della manifestazione «Insieme... si può!», finalizzato alla pulizia dell'arenile Risorgimento sul lungomare oplontino nell'ambito delle iniziative legate alla sensibilizzazione sul fiume Sarno.

LEGGI ANCHE «Salviamo il fiume Sarno», 75 scuole incontrano don Ciotti

Migliaia di alunni, in rappresentanza di 75 scuole del distretto attraversato dal corso d'acqua, hanno attraversato le strade che dividono il liceo Pitagora-Croce, dove è partito il corteo, e l'arenile. «La presenza di Don Luigi Ciotti - ha detto il dirigente scolastico del Pitagora-Croce, Benito Capossela - è il segnale che finalmente qualcosa si sta muovendo e soprattutto si stanno muovendo i giovani. Anche il fatto che proprio i ragazzi abbiamo chiesto di distribuire alle autorità presenti e ai presidenti selle associazioni la copia della relazione della commissione parlamentare d'inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e sugli illeciti ambientali ad esse correlate è il segnale dell'attenzione all'argomento».

LEGGI ANCHE Vongole al veleno in Campania: record di metalli pesanti, scatta l'allerta sanitaria europea

Momento toccante è stato quando Don Ciotti si è fermato in un momento di preghiera nel luogo dove due anni fa crollò una palazzina in via Rampe Nunziate facendo otto vittime. «La lotta per il Sarno - ha proseguito il fondatore dell'associazione Libera - è la lotta per la vita. Oggi l' 85 per cento degli esseri viventi sulla Terra sono vegetali, piante, mentre gli esseri umani e gli animali rappresentano appena il 3 per cento. Stiamo assistendo alla sesta estinzione di massa, la prima però provocata dall'uomo. Dobbiamo capovolgere tutto, perché la tutela dell'ambiente e la tutela per la vita».

Ultimo aggiornamento: 12:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA