Covid a Napoli, contagi in 11 scuole e le classi tornano in dad: la mappa

Martedì 23 Novembre 2021 di Mariagiovanna Capone
Covid a Napoli, contagi in 11 scuole e le classi tornano in dad: la mappa

La percentuale di vaccinati nella fascia d’età 12-19 resta ferma al 66%, e quel 34% di studenti non ancora vaccinati permette di far circolare negli ambienti scolastici la variante Delta. Nel bollettino del 17 novembre dell’Asl Napoli 1 diretta da Ciro Verdoliva ci sono state 129 segnalazioni (-13 rispetto alla settimana precedente) mentre il numero di contatti scolastici in quarantena è stato di 405 (la settimana precedente 515): con il nuovo bollettino sarà estremamente importante comparare questi dati per comprendere se il calo è effettivo oppure solo momentaneo. Stando a quanto diffuso dalle scuole sui loro siti internet, riguardo classi in Dad e studenti in quarantena, la situazione dovrebbe essere peggiorata. Sebbene i dirigenti che pubblicano sul sito ufficiale la situazione epidemiologica che li vede protagonisti siano in pochissimi (gli altri informano solo sul registro elettronico), le scuole attualmente interessate da casi sono almeno undici, ma si tratta solo della punta dell’iceberg. Restano le perplessità riguardo i tamponi per il rientro in aula nel caso di positivi.

Il protocollo prevede che in presenza di un caso positivo, i compagni di classe faranno un test definito T0 il prima possibile, e se il risultato è negativo si potrà rientrare a scuola, ma va ripetuto (T5) dopo 5 giorni. Fino a quando gli studenti non avranno eseguito il tampone T0, la classe sarà in Dad. L’Asl Napoli 1 fa sapere che ci sono fasce orarie per i tamponi (solo 14.30-18.30) da eseguirsi nei distretti sanitari, ma per evitare la Dad, i genitori possono eseguirli in una struttura privata a loro spese: basta che i risultati siano inviati al referente Covid che provvederà a comunicarlo agli uffici sanitari. Nel caso ci siano tre positivi andrà in quarantena tutta la classe (ma di 7 giorni per i vaccinati e i guariti, di 10 per gli altri) con l’attivazione della Dad. 

LEGGI ANCHE Covid a scuola: alunni isolati, torna la Dad nel Napoletano

Nel caso di due positivi, i vaccinati o negativizzati negli ultimi 6 mesi faranno la sorveglianza con testing, mentre i non vaccinati la quarantena. Caso diverso con alunni con meno di 6 anni che finiscono tutti in quarantena (10 giorni) anche se c’è un solo positivo. Ancora un caso tra gli alunni del quarto circolo Maria Cristina di Savoia a Chiaia, dove ieri si è attivata la Dad in attesa dei T0, come anche al comprensivo Capuozzo al Centro direzionale, dove il positivo è nella 1F della secondaria di primo grado che ha iniziato la Dad. È sempre complicata la situazione al Viviani a Posillipo dove oltre a un positivo nella 1C secondaria con classe in presenza con T0, proseguono in Dad 1F e 2F. Al Mameli Zuppetta ai Colli Aminei due classi in Dad 4F e 5D, mentre sono appena rientrate altre due classi. Complicata la situazione a Scampia con casi in almeno tre scuole. Dad alla VE del comprensivo Kennedy; 5D e 2B della secondaria del Virgilio IV; mentre all’Alpi-Levi da oggi sono in Dad le classi VA e VB della primaria del Plesso Campanella. Al Fava Gioia di Materdei oggi dovranno eseguire il T5 gli alunni delle classi IV A, B e C della primaria per mettere fine alla Dad. Al Miraglia-Sogliano al Vasto 2D e 2E si rientra con il T0 per un positivo per classe. Emergenza anche in provincia: a Meta di Sorrento positivi due fratellini di uno e 5 anni e classe di quest’ultimo in quarantena.

Video

Dad anche alle scuole secondarie di secondo grado per casi di positività. Come all’Istituto superiore Attilio Romanò a Miano per la 1A Ma, 5A So e 4C MA che hanno iniziato lunedì da remoto. Da alcuni giorni proseguono in Dad le classi 1 D Afm e III B Osa dell’Istituto De Nicola all’Arenella, così come al liceo Alberti al Vomero va in Dad la IVC S, mentre al liceo Galilei sempre al Vomero, la IIIC T proprio ieri riprende le attività di didattica in presenza, pur avendo trovato altri due positivi tramite il tampone T0. 

Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 11:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche