Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid a Napoli, ospedali sotto pressione: «Stiamo rivedendo il film di due anni fa»

Venerdì 7 Gennaio 2022
Cotugno

Continua lo stato di allerta del personale sanitario, per la crescente pressione che gli ospedali stanno sopportando a causa dei continui arrivi di malati di Covid. «Attenzione, io non ho detto che oggi siamo nella situazione di dover scegliere chi curare e chi no, ma ho detto che non vorremmo essere costretti un domani ad arrivare a questo punto e che dunque potrebbe essere solo una prospettiva e che bisogna correre ai ripari ora». Così il presidente dell'ordine dei medici di Napoli e provincia, Bruno Zuccarelli, all'Ansa in merito al suo allarme lanciato ieri rispetto all'eventualità di dover ricorrere da parte del personale medico al codice nero e in risposta ad alcuni dirigenti medici dell'ospedale Cotugno che oggi si sono espressi su questo tema.

«Ieri c'erano le file di ambulanze e i numeri stanno salendo vertiginosamente - sottolinea Zuccarelli - credo che sia necessario intervenire ricorrendo alla vaccinazione obbligatoria e alla sanificazione degli ambienti che rappresentano l'unico presidio che ci può consentire di continuare a fare una vita quasi completamente normale e ovviamente è necessario continuare a mantenere le precauzioni per non rinunciare alla socialità e per non chiudere nulla. Ritengo - conclude - che bisogna evitare di abbracciarsi e di baciarsi perché sono comportamenti assolutamente rischiosi».

Video

«Stiamo rivedendo il film di due anni fa e la pressione su di noi è costante». Lo dice invece ai giornalisti Rosario Sollazzo, coordinatore dell'area malattie infettive degli infermieri dell'ospedale Cotugno di Napoli. «La situazione è arrivata a livelli critici la notte scorsa - aggiunge - quando non c'erano solo ambulanze in attesa con pazienti a bordo, ma anche auto con contagiati in attesa di cure». In mattinata la situazione è migliorata, ma Sollazzo mette in guardia su quanto potrà accadere nelle ore notturne. «È dal pomeriggio-sera che l'afflusso aumenta, così come nei giorni festivi. La sera del 31 dicembre ce la siamo vista brutta».

LEGGI ANCHE Covid a Napoli, al Cotugno è caos barelle 

«L'assistenza infermieristica negli ospedali napoletani è fortemente a rischio. Non perché manchino i posti letto. Ma perché fra poco, con l'impennata di casi e di ricoveri che ogni giorno aumenta, non ci sarà personale infermieristico sufficiente per la presa in carico degli ammalati». È la denuncia-appello lanciata oggi dalla presidente dell'ordine degli infermieri di Napoli, Teresa Rea, dopo aver ascoltato i report continui e allarmati che provengono dagli ospedali e le previsioni sull'ondata di ospedalizzazione attesa per le prossime settimane.

«Ogni giorno nei reparti di tutti gli ospedali cittadini, anche pediatrici, manca all'appello circa il 20% dei colleghi, sia perché contagiati covid, sia perché in stretta sorveglianza per contatti con congiunto. Una carenza aggiuntiva che si somma a quella storica che fa di Napoli e la Campania il fanalino di coda d'Europa. I colleghi che mi riportano questi dati - precisa Rea - sono preoccupati e sono allo stremo delle forze. Stanno raddoppiando e triplicando i turni di lavoro e saltando i turni di riposo. A ciascun infermiere in corsia tocca coprire il lavoro di quelli assenti. Di questo passo, e le previsioni degli epidemiologi fanno temere il peggio nelle prossime settimane, presto non ci saranno in reparto infermieri sufficienti per assistere gli ammalati».

LEGGI ANCHObbligo di vaccino, multa di 100 euro una tantum 

«Chiediamo allora alle autorità - è l'appello della Rea - di accelerare le pratiche per immettere urgentemente in reparto e sul territorio quanti più infermieri è possibile. Il governatore De Luca ha annunciato per il 2022 tremila nuove assunzioni. Bene, si faccia presto allora. Lo si faccia ora, prima che negli ospedali si alzi bandiera bianca o si scelga chi assistere». «Al governo - dice la presidente opi Napoli - che con la legge di bilancio si è già rimangiato quanto promesso - indennità di specificità interimistica e incremento del numero di docenti-infermieri nelle università - chiediamo di intervenire con provvedimenti autorevoli e urgenti per arginare la diffusione dei contagi. A questo ritmo e senza nuove risorse umane, si rischia infatti di vedere sospesa di fatto l'assistenza infermieristica negli ospedali e sul territorio».

Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio, 09:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA