Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid in Campania, boom del contagio tra gli studenti: positivo il 30% dei tamponi

Martedì 4 Gennaio 2022 di Mariagiovanna Capone
Covid in Campania, boom del contagio tra gli studenti: positivo il 30% dei tamponi

Dalla prima riunione dell'Unità di Crisi regionale sulla situazione epidemiologica non arrivano buone notizie per la scuola. I dati aggiornati a ieri vedono 18.849 studenti positivi che su una platea di 1.127.244 rappresentano l'1,7%, mentre tra il personale scolastico sono positivi in 3.009. Ciò che sconforta è il balzo tra studenti in appena sei giorni, sebbene negli ultimi due il numero di tamponi si sia ridotto drasticamente dell'80%: ai 12.052 del 28 dicembre se ne sono aggiunti 6.797, ossia più di 1.100 al giorno con una curva che va ancora crescendo. In pratica nei ragazzi da 5 a 19 anni, negli ultimi sei giorni, su 100 tamponi, 27 sono stati positivi. Il triplo di tutte le persone sottoposte a tampone.

A preoccupare particolarmente è la fascia 11-13 con il 2,14% di positivi, percentuale che sale ed è segnata in rosso nelle tabelle regionali, per gli adolescenti dell'Asl Napoli 3 Sud (2,36%) e Asl Caserta (2,3%). Tra i più piccoli invece il record è nella Asl Avellino con il 2,02% di alunni delle primarie positivi, ma anche tra i più bimbi in nidi e infanzia con lo 0,91%, la più alta in Regione. All'Asl Napoli 3 Sud anche la maglia nera degli studenti delle superiori positivi (2,49%) e personale scolastico che ben in 809 risiedono nei comuni dell'area vesuviana, particolarmente calda e quindi a rischio Dad. 

Oltre tremila i docenti, dirigenti e personale Ata nell'elenco dei positivi delle Asl competenti e visto che in Campania attualmente ci sono 93.159 campani positivi, ne rappresentano il 3%. Nel dettaglio si tratta di 34 dirigenti (1,8%), 102 collaboratori aggiuntivi, 629 personale Ata (1,7%) e 2.244 docenti campani (1,8%), in gran parte residenti all'Asl Napoli 3 Sud (809) ma che insegnano nelle scuole dell'Asl Napoli 1 (707). L'obbligo vaccinale per il personale della scuola in vigore dal 15 dicembre potrebbe aver tenuto sotto controllo la situazione dei contagi, anche perché la direttiva implica la sospensione nei casi in cui i no Vax non vorranno adeguarsi. Su una platea di 122.274 però erano appena 1.654 i docenti che non avevano ricevuto nemmeno una dose di vaccino, ossia l'1.3%. E di questi, 3 su 4 sono esonerati, cioè soffrono di patologie da non permettergli di ricevere il vaccino. Ora andrà verificato se i circa 250 docenti senza vaccino avranno completato il ciclo vaccinale entro i termini di legge (20 giorni). Per il rientro del 10 gennaio, ad allarmare i dirigenti scolastici è però il numero del personale scolastico positivo poiché trovare quasi tremila docenti, amministrativi e bidelli supplenti è quasi impossibile con le graduatorie esaurite e quasi nessuno che vuole una sostituzione di pochi giorni. È l'organizzazione delle scuole quindi il nodo principale, al di là della curva epidemiologica in risalita, problema comune in tutte le Regioni e sul tavolo del consiglio dei ministri di domani. 

Video

Per la Regione invece in cima ai timori c'è il grande numero di positivi tra studenti, che in alcune aree sono particolarmente preoccupanti: sorvegliati speciali sono i comuni vesuviani, provincia di Avellino e provincia di Caserta che hanno le percentuali di positivi rispetto alla platea più alte della regione, ma di riflesso anche Napoli dove circola la maggior parte del personale positivo e dove in alcuni quartieri (Vomero, Arenella, Stella, San Carlo all'Arena) il numero di contagi continua a mantenersi sempre alto rispetto alle altre aree cittadine. Dalla probabile ordinanza regionale attesa per sabato pomeriggio, cioè dopo sei giorni di analisi dei dati e verifica dell'andamento della curva dei contagi, potrebbe essere fuori dalla sospensione della didattica in presenza tutta Benevento e provincia (il totale complessivo è di 3.039 casi, di cui 103 personale scolastico e 628 studenti) e probabilmente alcune zone della provincia di Salerno (il totale complessivo è di 14.303 casi, di cui 477 personale scolastico e 2.800 studenti). 

Ultimo aggiornamento: 5 Gennaio, 09:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento