Covid a Napoli, il grande flop delle Usca: «Appena 40 medici per 35mila malati»

Giovedì 13 Gennaio 2022 di Ettore Mautone
Covid a Napoli, il grande flop delle Usca: «Appena 40 medici per 35mila malati»

Visite domiciliari, controlli, device per monitorare l’ossigenazione del sangue e tenere sotto controllo la pressione o l’attività del cuore nei malati fragili. E la novità: dall’inizio di quest’anno il reclutamento dei pazienti a rischio per la somministrazione dei monoclonali e dei nuovi farmaci antivirali come il Molnupiravir. Sono questi i principali compiti di cura domiciliare dei malati Covid affidati alle Usca (Unità speciali di...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio, 20:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA