Tragedia Covid: padre, madre e figlia uccisi dal virus nel Napoletano. «Non erano vaccinati»

Martedì 20 Luglio 2021
Tragedia Covid: padre, madre e figlia uccisi dal virus nel Napoletano. «Non erano vaccinati»

Tre componenti di uno stesso nucleo familiare di Torre del Greco, i due anziani genitori e la loro figlia di 58 anni, sono morti nell'arco di soli otto giorni stroncati dal Covid-19. La notizia viene confermata dal direttore sanitario dell'Asl Napoli 3 Sud, Gaetano D'Onofrio, che sottolinea:

«Non erano vaccinati in quanto - vado a memoria ma ritengo di ricordare bene - non avevano proprio chiesto di essere vaccinati». I tre erano residenti, nella zona periferica della città, ed erano stati ricoverati al Covid hospital di Boscotrecase.

Da quanto si apprende, la sequenza si è aperta l'8 luglio scorso quando la più giovane tra loro, la figlia di 58 anni, è stata vinta dal coronavirus. Poche ore dopo è deceduto l'anziano padre, 89 anni. Il 16 luglio ha smesso di vivere la consorte di quest'ultimo, di quattro anni più giovane. È drammatica inoltre la circostanza che un altro figlio della coppia sia a sua volta ricoverato, sempre per Covid, al Cotugno di Napoli e al momento pare non abbia ancora saputo della tragedia.

Stando a ciò che trapela, gli anziani avevano deciso di non iscriversi alla piattaforma vaccinale per timori legati alla loro salute, pur se non in presenza di patologie gravi. «Inutile girarci intorno - prosegue D'Onofrio - la gente che non si vaccina rischia sulla propria pelle, anche se in molti continuano a non voler capire. L'Inghilterra è un esempio lampante: pur in presenza di più di 50.000 casi al giorno, ad arrivare in ospedale sono solo i non vaccinati».

In questo ragionamento, i numeri a disposizione dell'Asl Napoli 3 Sud sono lampanti: «La nostra popolazione residente conta su circa 920.000 persone vaccinabili, ovvero coloro che hanno dai 12 anni in su: di queste 643.000 si sono regolarmente prenotate e 605.000 circa hanno ricevuto almeno una dose. Resta inteso che la nostra piattaforma può non avere intercettato chi, pur residente nei comuni dell'Azienda sanitaria, si è vaccinato in un'altra Asl, ma sta di fatto che restano circa 280.000 persone attualmente non prenotate. È questo lo zoccolo duro sul quale si dovrà agire nell'immediato futuro». 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 21 Luglio, 10:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA