Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Crac Deiulemar, all'asta i presepi e due quadri attribuiti a Luca Giordano: l'obiettivo è raccogliere 2,5 milioni

Giovedì 1 Ottobre 2020 di Aniello Sammarco
Crac Deiulemar, all'asta i presepi e due quadri attribuiti a Luca Giordano: l'obiettivo è raccogliere 2,5 milioni

Si terrà con ogni probabilità entro la fine dell'anno e molti sperano direttamente a Torre del Greco l'asta destinata ad assegnare i 200 pastori della collezione presepiale appartenuta al defunto Giuseppe Lembo, uno dei tre fondatori (insieme a Giovanni Battista Della Gatta e a Michele Iuliano) della Deiulemar compagnia di navigazione, l'ex colosso armatoriale affondato sotto una coltre di debiti portando con sé gli oltre 720 milioni di euro investiti fino al maggio del 2012 da quasi 13mila persone. Ieri si è concluso il periodo fissato dal tribunale insieme alla curatela fallimentare della società di fatto (composta da Giuseppe Castellano, Massimo Di Pietro e Antonio Denotaristefani di Vastogirardi) per la presentazione delle domande di offerta. Un'asta ritenuta importante dagli obbligazionisti, il popolo dei truffati dalla Parmalat del mare.
 


Accanto ai pastori, in alcuni casi pezzi davvero unici e dall'alto valore economico, sono finiti anche due quadri attribuiti a Luca Giordano e trovati dagli inquirenti durante le diverse visite effettuate nel corso degli anni nella villa appartenuta a Lembo, anch'essa finita nel cumulo dei beni da alienare per dare ristoro agli investitori. Secondo le stime più ottimistiche, dalla vendita di queste opere potrebbero essere ricavati finanche 2,5 milioni di euro: «Ma se non ci dovessero essere state offerte valide fa sapere un esperto di arte presepiale questo giocherebbe purtroppo ad esclusivo svantaggio degli obbligazionisti, in quanto al prossimo incanto ci sarebbe un'inevitabile riduzione del valore dell'intero lotto». Per l'alto valore artistico della collezione, inoltre, sull'intera vendita lo Stato ha un diritto di prelazione, che può essere esercitato entro sessanta giorni dal perfezionamento della vendita. Un concetto non di poco conto, che testimonia quanto siano di assoluto prestigio i pezzi destinati a essere messi all'asta. Un aspetto confermato dal fatto che la raccolta dell'armatore torrese sia in passato finita anche in volumi che ancora oggi è possibile trovare in vendita su internet a prezzi vicini ai 100 euro. Del resto la collezione di Lembo era un vanto che lo stesso fondatore della Deiulemar amava mostrare. Stando ai racconti di chi ha potuto ammirare i pastori, all'interno della collezione vi sono una Natività di Giuseppe Sanmartino (noto nel mondo per avere realizzato il Cristo velato), i Re Magi di Lorenzo Mosca e animali attribuiti a Nicola Vassallo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA