Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Allarme criminalità ad Arzano, l'associazione contro le mafie: «Tavoli sull'Ordine Pubblico e Sicurezza passati in secondo piano»

Martedì 9 Agosto 2022 di Rosaria Rocca
Allarme criminalità ad Arzano, l'associazione contro le mafie: «Tavoli sull'Ordine Pubblico e Sicurezza passati in secondo piano»

Allarme criminalità ad Arzano: la tensione non si placa. A porre l’attenzione sull’emergenza è l’associazione nazionale contro le illegalità e le mafie Antonio Caponnetto, che chiede l’intervento dello Stato

Negli ultimi mesi, molti Comuni della provincia a nord di Napoli sono diventati scenari di episodi di violenza tra ordigni, minacce e stese. Le forze dell’ordine locali hanno risposto tempestivamente moltiplicando controlli e interventi, che hanno portato a svariate maxi-operazioni.

L’associazione vuole, però, una risposta immediata: «Lo Stato faccia sentire la sua presenza. Le guerre tra clan e il dilagare della criminalità stanno determinando il crescere dell’allarme in alcune aree a Nord di Napoli (tra cui Arzano). Ciononostante i tavoli sull’Ordine Pubblico e Sicurezza, che pure erano stati attivati, sembrano essere improvvisamente passati in secondo piano nella graduatoria delle priorità, superati da emergenze che interessano soprattutto le grandi realtà urbane».

Durante queste settimane, i riflettori sono tornati sulla zona: «Si registra un crescendo di manifestazioni delinquenziali legate, in particolar modo, alla determinazione dei clan a riappropriarsi del territorio e far sentire la propria presenza attraverso azioni dimostrative commesse in pieno giorno e a volto scoperto. Mai come in questi momenti occorre che lo Stato non allenti la presa e faccia sentire la sua presenza per debellare una volta per tutte questo triste ed inquietante fenomeno. Non si può certo consentire alla criminalità di spadroneggiare sul territorio violando il sacrosanto diritto dei cittadini a muoversi, lavorare, vivere in sicurezza e tranquillità. L’attuale scontro tra cartelli camorristici, che si nutre della presenza, a seguito di scarcerazioni eccellenti, di giovani boss di primo piano, ritenuti vicini al gruppo degli Amato-Pagano, si sta evolvendo di settimana in settimana tra la paura dei commercianti e dei cittadini».

Il gruppo ha lanciato un appello: «Lo Stato, quando ne ha la volontà, ha la capacità di intervenire ed impedire questa escalation di violenza. I cittadini di Arzano, di Frattamaggiore e delle aree a nord di Napoli interessate dal fenomeno, ne hanno pieno diritto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA