Crolla palazzo ad Afragola, l'appello degli sfrattati: «Siamo senza casa»

Sabato 15 Gennaio 2022 di Anna Menale
Condominio

Il 3 gennaio si è verificato il crollo di un palazzo in via Ciaramella ad Afragola. Cinque famiglie, residenti in un condominio adiacente, sono state allontanate dalle proprie abitazioni per l’esecuzione di sopralluoghi volti ad esaminare lo stato di agibilità del condominio. 

Il tecnico che avrebbe dovuto svolgere i controlli, però, ha contratto il coronavirus ed ora è tutto fermo. L’ha raccontato al consigliere Francesco Emilio Borrelli una donna che è stata costretta a lasciare la propria abitazione: «Siamo tre famiglie proprietarie di appartamenti e altre due locatarie. Molta gente non sa dove andare, non lavorano e non hanno soldi per procurarsi altre sistemazioni. Nella mia famiglia c’è mio padre malato che le prime sere ha dovuto dormire in auto, assurdo. Del palazzo crollato ora resta solo un muro che confina con il nostro palazzo e per questo è stato dichiarato inagibile. Noi nel frattempo siamo senza una casa da 15 giorni». 

Video

A tal proposito, la portavoce di Europa Verde Maria Francesca Imbaldi, che ha raccolto l’appello, ha dichiarato: «La situazione va risolta al più presto, non accettiamo rimpalli di responsabilità.  L’amministrazione di Afragola dia un’accelerata agli interventi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA