Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Da ieri sera la penisola sorrentina con i rubinetti a secco. Operatori turistici sul piede di guerra, mentre la Gori attiva il servizio sostitutivo con fontanine

Mercoledì 10 Agosto 2022 di Massa Lubrense
Autobotte sostitutiva acqua potabile

Da ieri sera la penisola sorrentina è alle prese con mancanze di acqua potabile. Disservizio provocato da una condotta bucata. È quanto ci hanno spiegato dalla Gori attraverso l'ufficio stampa aziendale. Nel tardo pomeriggio di ieri si è verificata una perdita dalla tubatura di adduzione che va da Castellammare a Vico Equense e poi da qui al resto della Costiera ed a Capri, lasciando quasi tutto il comprensorio senza acqua potabile.

Il problema, che non è dovuto al maltempo che ha interessato la zona, si è verificato all'altezza di Pozzano ed i tecnici sono immediatamente intervenuti per riparare la conduttura. Operazione ancora in corso e che si conta di concludere entro il pomeriggio, vale a dire prima dell'arrivo di nuova perturbazione che è attesa sul litorale della Campania. Il ripristino della normale erogazione idrica era, quindi, previsto già per questa mattina. Però i consistenti consumi legati anche al pienone nelle strutture ricettive di Sorrento e dintorni, ha determinato un massiccio consumo di acqua, soprattutto nelle prime ore del giorno, con conseguente svuotamento dei serbatoi che servono la Costiera.

Video

Ora, spiegano dalla Gori, è necessario attendere la riparazione e poi che si metta gradualmente in pressione la condotta ed i depositi tornino a riempirsi perché la situazione possa tornare alla normalità. Il che significa, come chiariscono dall'azienda, che nella fascia collinare della Costiera e nell'intero territorio del Comune di Massa Lubrense, il ripristino dell'erogazione idrica dovrebbe avvenire entro le 22 di questa sera.

Proprio da Massa Lubrense si levano le proteste degli operatori turistici. «Siamo in ginocchio - sbotta Francesco Gargiulo, presidente del Consorzio Ristoratori Lubrensi -. Negli alberghi stiamo distribuendo bottiglie di acqua ai clienti per dare loro la possibilità di lavarsi, mentre i ristoranti rischiano di dover restare chiusi. Tutto ciò mentre a Marina del Cantone si è verificato anche un blackout elettrico, dovuto probabilmente al maltempo, con ulteriori difficoltà per le attività turistiche. Non è tollerabile ciò che sta accadendo, soprattutto alla vigilia del Ferragosto».

Intanto la Gori per limitare i disagi ha previsto la distribuzione di acqua con le autobotti. Le fontanine saranno dislocate, a partire dalle ore 13.30, nei seguenti punti: a Sorrento in via degli Aranci all'incrocio via San Renato ed in via Capo all’incrocio con via Nastro Verde (in quest’ultimo punto anche per i residenti di Massa Lubrense); a Sant’Agnello (anche per le utenze di Piano di Sorrento) sul corso Italia all’incrocio con via San Sergio; a Massa Lubrense in via Pontone; a Vico Equense in corso Filangieri all’altezza della stazione della Circumvesuviana ed in corso Caulino nella piazza della frazione di Seiano (qui anche per i residenti di Meta).

Ultimo aggiornamento: 11 Agosto, 08:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA