Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Da Pignataro Maggiore a Pompei, 90 chilometri a piedi per pregare per la pace

Sabato 7 Maggio 2022 di Susy Malafronte
Da Pignataro Maggiore a Pompei, 90 chilometri a piedi per pregare per la pace

Dopo la pausa dovuta alla pandemia, ritorna al Pontificio Santuario di Pompei lo storico pellegrinaggio a piedi da Pignataro Maggiore: 90km di fede. Arrivati a mezzogiorno nella casa della Regina del Rosario, tra le lacrime di commozione per essere ritornati al cospetto della Beata Vergine, centinaia di fedeli hanno percorso in ginocchio l'ultimo tratto che li separava dalla sacra icona. Sono partiti alle 22 e 30 di ieri, venerdì 6 maggio, i fedeli di Pignataro Maggiore, percorrendo, a piedi, i 90 chilometri che li separavano dal Santuario di Pompei dove, domani, domenica 8 maggio, parteciperanno alla Santa Messa e alla recita della Supplica. È dal 1945 che arrivano nella Città mariana come i pellegrini d’un tempo, nella fatica del cammino e con un semplice zaino sulle spalle per adempiere un antico voto. L’Italia era coinvolta nell’immane tragedia della seconda guerra mondiale. Anche gli uomini di Pignataro furono chiamati a combattere. A chi affidarsi se non a Maria, “onnipotente per grazia”? Le promisero che, se fossero tornati a casa sani e salvi, ogni anno sarebbero arrivati a piedi a Pompei. E la Vergine accolse la loro preghiera.

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche