Napoli: ddl Zan, documento di sostegno in consiglio comunale

Napoli: ddl Zan, documento di sostegno in consiglio comunale
di Dario De Martino
Venerdì 29 Ottobre 2021, 19:02
3 Minuti di Lettura

Dopo il voto al Senato che ha affossato il ddl Zan, nel consiglio comunale napoletano sarà presentato un documento di sostegno al disegno di legge contro l'omotransfobia. A presentarlo all'esame dell'assise cittadina sarà dal consigliere di maggioranza, eletto nella lista di sinistra Napoli solidale, Rosario Andreozzi. Ad annunciarlo è lo stesso Andreozzi attraverso il suo profilo Facebook: «Mi farò promotore in occasione della prima seduta utile di consiglio comunale, non appena entreremo nelle nostre funzioni di consiglieri, di un documento che mi piacerebbe fosse condiviso dall'intera aula consiliare e votato all' unanimità, di difesa e di sostegno della proposta di legge di Alessandro Zan e di ratifica e conferma dell'anima plurale, democratica e libera della nostra città».

Video

La decisione di proporre il documento all'assise cittadina è arrivata proprio dopo «il tentativo da parte del Senato di affossare il Ddl Zan e lo spettacolo inglorioso di parlamentari della Repubblica che applaudono e fanno cori da stadio per festeggiare il blocco di una misura minima di tetuela delle libertà e dei diritti civili», scrive Andreozzi. Secondo l'ex capogruppo di Dema ciò che è accaduto a Palazzo Madama «è il segno di un paese retrogrado e che non riesce a liberarsi di una politica egoista e cinica». Perchè presentare nell'assise cittadina un documento su una legge che attiene ad una materia nazionale? Perchè «la nostra città negli ultimi anni è stata un vero e proprio avamposto di tutela della libertà e dei diritti civili, un porto sicuro contro ogni forma di discriminazione», spiega Andreozzi. Inoltre il voto al documento «sarà palese ed ognuno potrà metterci la faccia e non nascondersi vigliaccamente come accaduto a Palazzo Madama con l'utilizzo dello scrutinio segreto», conclude il consigliere comunale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA