De Magistris: «Camorristi, Napoli non vi vuole più. Fujtevenne»

44
  • 1182
«Abbia dedicato il Maggio della cultura di Napoli al diritto alla felicità. Napoli sprigiona energia umana e culturale come mai. Napoli è invasa da iniziative culturali stupende. Napoli sprigiona e cerca felicità. Il sapere, la conoscenza e la cultura aiutano ad essere felici - scrive in un post su Facebook il sindaco Luigi de Magistris - come necessario è il lavoro che sempre più si sta creando a Napoli, soprattutto con cultura, turismo e crescita economica compatibile con i valori costituzionali in cui crediamo. Napoli è attraversata, però, anche da persone violente della nostra città che non esitano a mettere in pericolo la sicurezza di tutti gli abitanti. Sono nemici di Napoli. Il ferimento quasi mortale della piccola Noemi impegna tutta la comunità a lottare per il diritto alla felicità di ogni persona, ma soprattutto delle bambine e dei bambini. La Napoli onesta, la stragrande maggioranza, ha deciso e scelto. È la Napoli della rinascita, dell’illuminismo del terzo millennio. Voglio, invece, rivolgere un appello a chi ogni giorno è nel bivio tra il bene e il male: scegliete il bene, perché oggi a Napoli i luoghi della nostra città sono pienissimi di opere di bene che creano anche economia e lavoro. L’alternativa tra bene e male è netta e visibile. Scegliete! Un appello, poi, a chi ha già sbagliato intraprendendo la strada del crimine o della violenza: abbandonate la strada della morte, diventate testimoni del cambiamento, raccontate agli altri che si può trasformare la propria vita, che è un dono e non ritorna. Infine, per quelli che non vogliono cambiare, non ci raccontate, quando sarete raggiunti dalla giustizia, che siete costretti a delinquere, perché oggi Napoli è zeppa di alternative a pistole, coltelli e spacciatori. Alla galera per chi sceglie il crimine o alla possibile morte per i camorristi, può esservi anche un’altra via: andatevene da questa città, perché Napoli e il popolo napoletano non vi vogliono. Chi spara ad una bambina, chi apre il fuoco in un ospedale, chi attenta alla felicità delle nostre bambine e dei nostri bambini rischiando di togliergli un futuro sereno, se ne deve andare da Napoli. Isoliamoli: iatevenne, o meglio, fujtevenne», 

Lunedì 20 Maggio 2019, 11:50 - Ultimo aggiornamento: 20-05-2019 11:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 44 commenti presenti
2019-05-21 21:05:14
e un maagistrato insipido non sa' di niente,pensa solo a recuperare altri immigrati x poi vederli a spacciare rubare stuprare nel Napoletano ,tanto lui si fa' bello x i buonisti comunisti,x le ong, e papa franceschiello, vescovi,preti ecc,ecc,
2019-05-21 12:53:28
Grottesco. Persino Totò impallidirebbe davanti a lui. Ha perso ogni senso della realtà.
2019-05-21 11:48:45
Ma perchè i camorristi dovrebbero andare via da Napoli se stanno così bene? Perchè glielo stai dicendo tu? Dalla tua cosa al Vomero? Dalla tua auto blu? Dal tuo ufficio a piazza Municipio? No, per capire...
2019-05-21 11:41:02
Caro Sindaco, ma può essere questa la soluzione per risolvere un grave problema, in modo così infantile e semplicistico? Sei onesto ma purtroppo incapace a risolvere problemi di ordinaria amministrazione e ciò è molto grave è costa alla città un prezzo elevato. Non sei capace di riscuotere tasse e multe dovute, mettere i vigili in strada, sanzionare i cittadini incivili, far funzionare i trasporti , curare il verde ma poi parli di aria fritta, con toni intrisi di ideologia vetusta. Il turismo è frutto di un dono divino, della natura nonchè dei nostri avi ; Ed oggi noi, insieme a te, modestamente facciamo il possibile per distruggere questo patrimonio ereditato. Ricorda che la percezione di disordine, disorganizzazione, illegalità che si respira in città è il migliore brodo culturale ove la camorra prospera !!
2019-05-21 11:40:45
DA RICOVERO CON URGENZA

QUICKMAP