Napoli, Dhl punta sull'aeroporto: merci nel mondo in 48 ore

Giovedì 19 Maggio 2022 di Gianni Molinari
Napoli, Dhl punta sull'aeroporto: merci nel mondo in 48 ore

Nemmeno un giorno di stop durante i lockdown del 2020 a sostenere la catena logistica che ha permesso al Paese di affrontare quella drammatica fase e nemmeno con grandi ritardi nelle consegne. Un polo sempre attivo da dove sono partite oltre 1.500 consegne di vaccini per la Campania, la Basilicata e la Puglia. E di fondo sempre il medesimo obiettivo: connettere Napoli a un network di 500 aeroporti e migliaia di destinazioni in 220 Paesi per permettere alle merci di raggiungere praticamente ogni parte del mondo in 24/48 ore. Con questo obiettivo Dhl Express Italy ha presentato l'investimento da 11 milioni di euro sul gateway all'aeroporto di Napoli che ha introdotto tecnologia avanzata e nuovi impianti tali da consentire di far crescere il numero di colli lavorati da 1.500 a 4.000 ogni ora.

Una rete che opera ogni giorno e che a Napoli ha uno snodo importante nella filiale di Napoli Casandrino dove tra i 200 corrieri che ogni giorno movimentano le merci ci sono anche quattro donne (l'azienda ha l'ambizioso obiettivo del 30% di donne nel management, ed ora è già al 24).
«Napoli è uno degli snodi fondamentali della nostra strategia di crescita in Italia - ha spiegato Nazzarena Franco, ceo di Dhl Express Italy - e su Napoli complessivamente negli ultimi anni abbiamo investito 20 milioni, a riprova della centralità che riveste la città e il suo aeroporto».

Aereoporto di Capodichino, Dhl si rafforza al Sud: «Primo scalo per tonnellate di cargo trasportate»

«L'investimento su Napoli Capodichino è coerente con l'obiettivo strategico di crescere a livello europeo, rafforzando la nostra leadership globale» ha incalzato Alberto Nobis, ceo Europe Dhl Express, che ha ricordato i numeri del network europeo: «Sette hub aeroportuali principali serviti da una flotta di 116 aerei, con quasi 1.000 voli al giorno e oltre 271 milioni di spedizioni nel solo 2021».

Per Capodichino un altro tassello al disegno strategico di uno scalo dal quale con connessioni attraverso i principali hub si raggiunge in pratica tutto il mondo e che ora con il completamento dell'investimento di Dhl Express Italy non è solo un'opportunità per i passeggeri, ma anche per le merci.
Una possibilità che è ben presente al mondo delle imprese delle tre regioni (Campania, Basilicata e Puglia) che Dhl gestisce da Napoli tanto che rispetto al 2019 il traffico cargo è cresciuto del quattro per cento, in controtendenza rispetto alla flessione dello 0,4% dell'insieme degli aeroporti italiani. Come ha ricordato con orgoglio il Cfo della Gesac, la società di gestione di Capodichino, Paola Bussotti.

E la crescita continua: nei primi quattro mesi del 2022 le esportazioni passate dal polo della Dhl sono cresciute del 10 per cento, le importazioni del 12 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. L'export dell'area servita da Capodichino rappresenta il 74% del totale del Sud Italia ed è indirizzato essenzialmente verso i paesi europei, con il 45 per cento del totale, e verso i paesi asiatici (21 per cento).

L'investimento non è solo business perché Dhl Express Italy, che è sponsor delle nazionali italiane di pallavolo, insieme alla Federazione Italiana Pallavolo ha organizzato una raccolta fondi on line a favore dell'Asd Molinari di Ponticelli, che da tanti anni promuove il volley come sport e come opportunità per le ragazze e i ragazzi del quartiere. L'obiettivo consiste nel raccogliere fondi sufficienti per garantire a tutti il diritto di fare sport in un luogo accogliente e sicuro. Con due ambiziosi obiettivi: riqualificare la pavimentazione della Palestra C del PalaVesuvio e regalare un minimo di 20 borse di sport, attraverso il pagamento della quota d'iscrizione alla stagione sportiva di pallavolo 2022/23 a chi non si può permettere di sostenere questo costo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA