Discariche ai confini di Napoli, la lotta di Asìa e Municipaliltà contro gli incivili

Sabato 28 Novembre 2020 di Antonio Folle

Via Cupa Arcamone, nel quartiere San Pietro a Patierno e al confine con il Comune di Casoria, è solo una delle tantissime strade che fanno da confine naturale tra il Comune di Napoli e gli altri comuni dell'hinterland. Zone poco controllate e, molto spesso, battute dagli sversatori seriali di rifiuti che approfittano degli scarsi controlli sul territorio. Qui, nonostante i continui - e costosi - interventi di pulizia da parte di Asìa, le discariche sono un problema decisamente preoccupante.

LEGGI ANCHE Napoli, baraccopoli a Porta Capuana 

A via Cupa Arcamone alcune maxi discariche fatte da carcasse di scooter e di auto rubate, materiali di risulta edilizi, rifiuti speciali - tra cui le famigerate e pericolosissime lastre di amianto - richiederanno ulteriori interventi di bonifica da parte dell'azienda partenopea, costretta a far fronte ad ulteriori "distrazioni" di prezioso personale da destinare ad altre emergenze. Non è un mistero, infatti, che l'azienda incaricata della raccolta dei rifiuti dal Comune di Napoli, abbia personale e mezzi estremamente sottodimensionati - anche a causa dell'incivilità di parte della cittadinanza - per le esigenze di una grande metropoli. 

 

«Purtroppo nonostante l'impegno che ci sta mettendo Asìa - afferma il consigliere della VII Municipalità Giuseppe Grazioso - ci troviamo a denunciare l'ennesimo attentato compiuto dagli incivili all'ambiente e al territorio. Le discariche stanno raggiungendo dimensioni impressionate e vengono alimentate giorno dopo giorno non solo dai criminali che usano le isolate strade di periferia per i loro reati ambientali, ma anche dai numerosissimi lanci del sacchetto compiuti dalle auto in corsa che transitano da queste parti. Per risolvere definitivamente il problema di Cupa Arcamone e di tutte le strade colpite da questo triste fenomeno - prosegue Grazioso - è necessario potenziare i controlli, magari istituendo un servizio di videosorveglianza ad opera della polizia municipale. Sappiamo benissimo che ci sono difficoltà anche di carattere burocratico - conclude l'esponente del settimo parlamentino - ma come istituzioni abbiamo il dovere di intervenire e di non lasciare nell'abbandono il territorio e i cittadini onesti e perbene che ci chiedono aiuto. In altre zone della città si sta intervenendo in tal senso, ci auguriamo che presto il Comune intervenga anche in questa periferia fin troppo bistrattata».

Video

A Cupa Arcamone l'enorme quantità di rifiuti che si stanno accumulando richiederanno un pesante esborso economico al Comune per la pulizia dell'area. La quasi totalità dei rifiuti, infatti, è classificata come rifiuto speciale e richiederà una procedura completamente diversa rispetto alla "semplice" rimozione di rifiuti solidi urbani. 

«Non ci troviamo di fronte a semplici sversamenti di rifiuti - l'ira della presidente di Asìa Maria de Marco - ma di fronte a veri e propri reati ambientali che andrebbero perseguiti duramente. La nostra è una lotta impari nel verso senso della parola e ha costi assurdi per la collettività. Quando i criminali sversano rifiuti speciali siamo costretti ad attivare costose procedure che prevedono l'impiego di mezzi e personale specializzati, con i conseguenti aggravi che pesano sui conti dell'azienda, costretta a lottare quasi a mani nude contro gli incivili che pensano di poter sversare qualsiasi tipo di rifiuto in modo del tutto incontrollato. A via Cupa Arcamone - prosegue Maria de Marco - probabilmente ci troviamo di fronte a sversamenti alimentati anche dai cittadini del Comune di Casoria, che approfittano della situazione per abbandonare i loro rifiuti. Ai cittadini onesti, la stragrande maggioranza - conclude la numero uno di Asìa - rivolgiamo il solito appello a denunciare, anche in forma anonima, questi reati ambientali messi in atto da criminali senza scrupoli». 

Ultimo aggiornamento: 18:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA