Mattarella nomina don Merola
commendatore della Repubblica

Venerdì 18 Marzo 2022 di Susy Malafronte
Mattarella nomina don Merola commendatore della Repubblica

E’ cittadino pompeiano il nuovo Commendatore della Repubblica Italiana. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l’alta onorificenza di Commendatore della Repubblica a don Luigi Merola per l'impegno nella solidarietà, nel volontariato, per l'attività in favore dell'inclusione sociale, nella promozione della cultura, della legalità e dei diritti dell'infanzia.

In questi ultimi 18 anni don Luigi ha contribuito a lanciare un urlo contro le organizzazioni criminali, con coraggio e diplomazia, dimostrando alla delinquenza locale, alla cittadinanza e soprattutto ai giovani che si deve combattere per i propri ideali e che non ci si deve mai arrendere anche di fronte a situazioni difficili.

«Alle armi – ha detto don Luigi, visibilmente commosso per il conferimento dell’alta onorificenza, - bisogna anteporre la parola, il dialogo, questi ragazzi devono capire che inseguire la violenza è sbagliato, non si diventa uomini perché sei al servizio di un clan, ma lo studio che ti fa crescere, il credere in sé stessi e crearsi un futuro. Queste sono le basi per diventare dei veri uomini e dei futuri cittadini onesti. La criminalità organizzata non accetta che una parte dei beni confiscati siano finiti in nostro possesso per essere utilizzati a scopo sociale per il recupero di giovani e ragazzi che altrimenti finirebbero nella rete della camorra. La sede di Pompei è stata saccheggiata lo scorso maggio, in precedenza anche quella di Napoli, con una bomba carta, esplosa per fortuna quando il centro era chiuso. Un chiaro messaggio: siamo ingombranti non ci vogliono, ma noi continueremo la nostra opera, non ci facciamo intimidire. Nella sede di Pompei ci sono 40 ragazzi che quotidianamente la frequentano per le lezioni di recupero scolastico, di informatica, musica, danza e sport. Aiutateci ad aiutare. Fate girare il nostro 5x1000 - C.F. 95097930630 -. Abbiamo bisogno anche del vostro aiuto! Basta davvero poco».

Video




 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche