Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elezioni a Sant'Antimo, gli sfollati in protesta: faremo annullare tutte le schede

Martedì 19 Aprile 2022 di Rosaria Rocca
L edificio crollato e la rappresentante degli sfollati Rosa Castaldo

Costretti lontani dalle loro case dal crollo avvenuto nel novembre 2017, gli sfollati di via Pietro Giannangeli a Sant’Antimo annunciano: «Faremo annullare tutte le schede». I seggi si apriranno solo a giugno, ma il clima è già molto teso in città. La campagna elettorale per le prossime amministrative è iniziata a suon di promesse e confronti con i cittadini. In questi quattro anni e mezzo, gli ex residenti del civico 35 sono stati costretti a vedere ogni giorno nuove crepe in quello stabile che rappresenta la loro storia e che doveva essere il loro futuro. Sono stati, inoltre, vittime di diversi episodi di sciacallaggio. 

Rosa Castaldo, rappresentante degli sfollati, ha chiarito: «La nostra è una forma di protesta. Se fino a ieri pregavamo affinché fosse evitata una catastrofe, oggi speriamo che avvenga. Siamo stanchi di questo immobilismo. Non ci sarà mai nessun cambiamento. Niente è stato fatto all’epoca, figuriamoci in futuro. Non abbiamo più fiducia nei politici di Sant’Antimo perché siamo stati presi in giro per troppo tempo. Basta». 

Qualche settimana fa, un appello era stato lanciato anche dalla commissione prefettizia alla guida del Municipio dopo lo scioglimento. L’invito dei tre esperti Maura Nicolina PerrottaSimona Calcaterra e Salvatore Carli è chiaro: «Ci associamo a quanto detto dal prefetto di Napoli, in occasione dell’intitolazione del piazzale della stazione al giudice Livatino. Non fatevi condizionare nel voto da persone vicine alle organizzazioni criminali, ma vogliate bene alla vostra città».

Non tutti gli schieramenti hanno ufficializzato il nome del proprio leader. Nei prossimi giorni, in molti potrebbero uscire finalmente allo scoperto. 

Ultimo aggiornamento: 16:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA