Erasmus, da novembre scuola Santagata di Portici aumenta frequenza incontri

Mercoledì 23 Ottobre 2019
Erasmus, da novembre scuola Santagata di Portici aumenta frequenza incontri

L’Istituto comprensivo 5° Santagata di Portici si conferma tra le scuole più all’avanguardia nell’attuazione  dei progetti Erasmus per gli alunni delle scuole medie. Da quest’anno, grazie anche al buon lavoro fatto negli anni precedenti, gli studenti potranno trascorrere più periodi di studio all’estero con il progetto Erasmus+ “No Problem, Only Solutions!”. La vera novità dell’anno scolastico 2019-2020, è l’aumento della frequenza dei meeting tra i giovanissimi alunni delle scuole dei paesi coinvolti. Infatti le mobilità di progetto sono ben 3 per ogni annualità. Quest’anno si parte, già a novembre, dalla Spagna e si prosegue con la Francia a maggio del prossimo anno per concludersi con il Portogallo a ottobre con il coinvolgimento di 120 alunni dai 7 ai 12 anni. 

“Nel mondo globale l’interazione degli studenti con coetanei di altri Paesi europei è fondamentale nella formazione e nell’acquisizione di competenze - afferma il dirigente scolastico prof. Nicola Di Muzio - La nuova esperienza di scambio culturale e di buone pratiche anche quest’anno offrirà ai nostri allievi di conoscere ed incontrare ragazzi di ben 5 paesi contemporaneamente Spagna, Francia, Portogallo, Svezia ed Inghilterra (nonostante l’imminente Brexit), un’esperienza che dovrebbe diventare curriculare per tutti gli studenti”. 

Il nuovo progetto Erasmus+ “No Problem, Only Solutions!” è stato presentato oggi nell’Auditorium dell’Istituto insieme agli alunni di tutte le classi partecipanti e ai docenti coinvolti che daranno il via ai lavori con lo svelamento della targa di progetto. Tema del progetto di quest’anno è “il Problem Solving come metodologia di apprendimento”.
Ogni sezione tematica del programma di studio, dalle ICT al linguaggio, dall’arte al pensiero computazionale, verrà affrontata attraverso il gioco e l’interazione, il dialogo e la condivisione per migliorare le competenze chiave dei futuri cittadini europei.

Le classi coinvolte sono le terze e la quarta B della scuola primaria e la 1 A e la 2 H del tempo ordinario della scuola secondaria di primo grado. 

Dopo il training iniziale di progetto dedicato ai docenti partecipanti di ogni paese, che si è tenuto in Inghilterra, vicino Bristol, solo pochi giorni fa, gli alunni di tutte le classi partecipanti stanno affrontando la prima attività, la “Logo competition” cioè la realizzazione di un logo originale che rappresenti il progetto per tutta la sua durata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA