Napoli, nuovo episodio choc al Vasto: «Pugni in faccia a una ragazza da un extracomunitario»

Giovedì 19 Luglio 2018 di Antonio Folle
Nuovo episodio di violenza al Vasto. I residenti hanno denunciato l'aggressione subita da una ragazza del quartiere Avvocata di 15 anni che, senza alcun motivo apparente, mentre era in compagnia della madre, è stata aggredita a pugni da parte di un extracomunitario che poi si è dato alla fuga. Medicata sul posto da 118 fatto intervenire - per lei solo gonfiore a una guancia -, la ragazza ha sporto con la madre querela in caserma. Sulla vicenda indagano i carabinieri.

L'episodio, avvenuto intorno alle 19.10 nell'area del corso Novara, ha scosso ancora una volta il quartiere che già nelle scorse ore aveva fatto sentire il suo grido contro la violenza gratuita scatenata dalle bande di africani che si affrontano a suon di calci e pugni a cadenza pressochè quotidiana. Anche il presidente della IV Municipalità Giampiero Perrella aveva, attraverso un duro comunicato, stigmatizzato il clima di violenza che si respira all'ombra della stazione centrale. Immediatamente dopo l'aggressione la ragazza è stata soccorsa da una ambulanza. Da brividi la testimonianza della vittima: «Stavamo camminando - ha affermato - e all'improvviso lui si è fermato e mi ha dato un pugno in faccia, mi ha buttato a terra e mi ha rivolto parolacce nella sua lingua. Non lo conoscevo di persona ma solo di viso perchè abita nel quartiere e lo avevo visto già qualche volta».
 

Contenere la rabbia dei cittadini è sempre più difficile per le forze dell'ordine impegnate nel difficile compito di presidio dell'area. Gli stessi residenti, sia a mezzo social che attraverso un passaparola che in questi minuti sta facendo il giro del quartiere, si dicono pronti a scendere in piazza per salvaguardare la propria incolumità.

«Siamo stanchi - affermano gli esasperati cittadini del Vasto - e non intendiamo più sopportare questa situazione. Ci chiamano razzisti se chiediamo ordine e pulizia nel nostro quartiere, vengano a vedere in che condizioni siamo costretti a vivere. Adesso anche noi italiani siamo diventati potenziali vittime di questa violenza gratuita scatenata dagli africani. Scenderemo in piazza per far sentire le nostre ragioni al sindaco, all'assessore Clemente e a tutti quelli che hanno annunciato interventi ma poi si sono puntualmente disinteressati del nostro territorio». Ultimo aggiornamento: 20 Luglio, 11:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA