Napoli, nuovo episodio choc al Vasto: «Pugni in faccia a una ragazza da un extracomunitario»

di Antonio Folle

31
  • 31131
Nuovo episodio di violenza al Vasto. I residenti hanno denunciato l'aggressione subita da una ragazza del quartiere Avvocata di 15 anni che, senza alcun motivo apparente, mentre era in compagnia della madre, è stata aggredita a pugni da parte di un extracomunitario che poi si è dato alla fuga. Medicata sul posto da 118 fatto intervenire - per lei solo gonfiore a una guancia -, la ragazza ha sporto con la madre querela in caserma. Sulla vicenda indagano i carabinieri.

L'episodio, avvenuto intorno alle 19.10 nell'area del corso Novara, ha scosso ancora una volta il quartiere che già nelle scorse ore aveva fatto sentire il suo grido contro la violenza gratuita scatenata dalle bande di africani che si affrontano a suon di calci e pugni a cadenza pressochè quotidiana. Anche il presidente della IV Municipalità Giampiero Perrella aveva, attraverso un duro comunicato, stigmatizzato il clima di violenza che si respira all'ombra della stazione centrale. Immediatamente dopo l'aggressione la ragazza è stata soccorsa da una ambulanza. Da brividi la testimonianza della vittima: «Stavamo camminando - ha affermato - e all'improvviso lui si è fermato e mi ha dato un pugno in faccia, mi ha buttato a terra e mi ha rivolto parolacce nella sua lingua. Non lo conoscevo di persona ma solo di viso perchè abita nel quartiere e lo avevo visto già qualche volta».
 

Contenere la rabbia dei cittadini è sempre più difficile per le forze dell'ordine impegnate nel difficile compito di presidio dell'area. Gli stessi residenti, sia a mezzo social che attraverso un passaparola che in questi minuti sta facendo il giro del quartiere, si dicono pronti a scendere in piazza per salvaguardare la propria incolumità.

«Siamo stanchi - affermano gli esasperati cittadini del Vasto - e non intendiamo più sopportare questa situazione. Ci chiamano razzisti se chiediamo ordine e pulizia nel nostro quartiere, vengano a vedere in che condizioni siamo costretti a vivere. Adesso anche noi italiani siamo diventati potenziali vittime di questa violenza gratuita scatenata dagli africani. Scenderemo in piazza per far sentire le nostre ragioni al sindaco, all'assessore Clemente e a tutti quelli che hanno annunciato interventi ma poi si sono puntualmente disinteressati del nostro territorio». 
Giovedì 19 Luglio 2018, 20:15 - Ultimo aggiornamento: 20 Luglio, 11:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2018-07-25 17:29:59
certo nella situazione in cui si trova napoli con i suoi quartieri assediati da clandestini e delinquenti , è addirittura paranoico sentire il sindaco che vorrebbe aprire le porte ad altri clandestini....ma tanto lui si diverte sul trenino di edenlandia,beato lui!
2018-07-24 18:20:11
Quando tutti i buonisti capiranno che l'italia non ha ne' case ne' lavoro per due miliardi di africani sara' sempre tardi. Io ho una figlia di 30 anni, laureata con 110 e lode che e' stata costretta ad andare in inghlietrra' per 900 euro al mese, perche' qui faceva la fame. Dedicato ai buonisti.
2018-07-24 14:00:20
ma i bianchi non reagiscono?
2018-07-24 12:48:20
Cominciamo col dire che i clandestini devono ritornare nel loro paese. Poi prima di ricevere gente, si devono fare controlli minuziosi su tutti, senza permettergli di introdurre e imporre le loro. Chi fa uso di L'alcool e/o sostanze stupefacenti dovrebbero essere lasciati a terra nel paese in cui partono, ma visto che nella maggior parte dei casi non è possibile controllarli prima questo si deve fare per forza nel porto di sbarco. Ma è una cosa che bisogna fare meticolosamente non a "pane e puparuoli".
2018-07-22 08:33:49
Premetto che sono del Sud e dico: SALVINI se ci sei batti un colpo.Sono stato molto colpito dalle parole di fermezza e legalità usate durante la campagna elettorale ora voglio i fatti. Chi sta in Italia deve essere in regola e rispettare tutte le leggi italiane. Niente buonismo o accogliamo tutti. I fogli di via non servono ma serve, costi quel che costi, che questi delinquenti o chi non ha le carte a posto per stare in Italia venga caricato sul primo aereo e rimpatriato immediatamente senza aspettare che la giustizia faccia il suo corso (condanna, ecc.) che sarà di certo molto lungo e questi rimangono in Italia a continuare a delinquere. Salvini se non vuoi perdere il trono conquistato fai presto e bene.

QUICKMAP