Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli. Faccia a faccia tra Lorenzo Insigne e Cristiano Ronaldo sul presepe

Domenica 5 Marzo 2017 di Eduardo Improta
I personaggi di Marco Ferrigno, l ultimo di una dinastia che da cinque generazioni si dedica all arte presepiale

Archiviata la partita con la Roma, da oggi a si è iniziati a pensare al Real Madrid. Insigne e Ronaldo sono già, “faccia a faccia” a San Gregorio Armeno.
 


Il Real Madrid con Cristiano Ronaldo non è ancora arrivato a Napoli e a San Gregorio Armeno è già rissa tra i tifosi, centinaia di tifosi sono venuti a San Gregorio Armeno, armati di smartphone, macchine fotografiche e cineprese per un selfie con i vip di terracotta a grandezza naturale.

Da alcuni anni è tradizione riproporre le statuette di personaggi famosi da sistemare sul presepe. Quest’anno, in occasione della storica partita Champions League tra il Napoli e la blasonata squadra del Real Madrid, è la volta di Ronaldo e dei beniamini dei tifosi napoletani come Insigne, Hamšík, Mertens, Reina, mister Sarri, il presidente Aurelio De Laurentis ed altri ancora.  A realizzare i “pastori” ci ha pensato Marco Ferrigno, già autore di numerosi altri manufatti di personaggi famosi, tra gli altri l’intramontabile idolo dei tifosi napoletani Diego Maradona.
 
 

Marco Ferrigno, l’ultimo di una dinastia che da cinque generazioni si dedica all’arte presepiale, ha proposto una sorta di faccia a faccia tra Cristiano Ronaldo e Lorenzo Insigne con due “pastori” a misura reale. Elabora in maniera del tutto personale il mestiere tramandatogli da suo padre, apportando un tocco di freschezza e di innovazione. I materiali impiegati sono gli stessi da 150 anni: la terracotta, il legno e le rinomate sete di S. Leucio, borgo medioevale in provincia di Caserta.

San Gregorio, un museo a cielo aperto, la strada ormai famosa in tutto il mondo, è un luogo da visitare, un richiamo turistico e lo testimoniano le numerose presenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA