«So che mamma si è fatta male», a fine lezione nessuno attende Lisa

ARTICOLI CORRELATI
di Daniela de Crescenzo

«Mamma arriva più tardi, lo so. Mi ha detto che doveva andare a farsi togliere il gesso dal braccio. Si è fatta male, ma sta guarendo». Lisa (il nome è di fantasia) è sola con gli insegnanti nella scuola di via dei Pini. Non sa che il papà, Pasquale Vitiello, ha ucciso la mamma, Immacolata Villani, appena lei ha varcato la porta della classe. Aspetta fiduciosa la madre che non arriverà mai più. Gli altri bambini sono già andati tutti via: gli spari davanti al cancello dell'istituto hanno terrorizzato i genitori che hanno preferito portarli a casa. Hanno detto ai piccoli che nell'edificio mancava la corrente elettrica e non si poteva fare lezione, poi li hanno fatti uscire dal retro: davanti al cancello c'è il corpo sfigurato e flagellato della pioggia di Immacolata Villani, e quella è una scena che i piccoli non devono assolutamente vedere.
 

Un omicidio, una scuola nel panico, due famiglie disperate. Quella di Vitiello si rivolge al suo ragazzo e lancia un appello: «Dacci un segno di vita. Ti preghiamo: costituisciti. Assumiti le tue responsabilità, noi saremo al tuo fianco».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 20 Marzo 2018, 06:30 - Ultimo aggiornamento: 20-03-2018 09:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-03-20 11:55:30
piangiamo il destino di quella povera bimba rimasta orfana che un giorno si chiederà il motivo della sua tragedia, e quali istituzioni avrebbero dovuto e potuto salvare la sua mamma . Tali casi ormai sono diventati numerosi,tutti simili , tutti socialmente prevedibili e tutti preceduti da denunzie alla magistratura. Perchè non si è fatto qualcosa tempestivamente? Perchè la magistratura tarda spaventosamente ad intervenire quando un compagno violento minaccia una moglie, una convivente? questa lentezza ci da tanto l'impressione di un menefreghismo assoluto quando pensiamo che un tifoso violento allo stadi prende una una daspo in 24 ore ed una mamma viene abbandonata al suo destino.

QUICKMAP