Fiat di Pomigliano, rinnovata 15 giorni
la cassa integrazione: fabbrica ferma

Martedì 14 Settembre 2021
Fiat di Pomigliano, rinnovata 15 giorni la cassa integrazione: fabbrica ferma

È stata rinnovata per 15 giorni la cassa integrazione ordinaria per i lavoratori dello stabilimento Stellantis di Pomigliano d'Arco e del reparto logistico di Nola. Si è svolto oggi, infatti, nel giorno della scadenza della cig per i dipendenti del GB Vico, l'esame congiunto tra azienda e sindacati per far fronte «alle imprevedibili sospensioni dell'attività lavorativa per fronteggiare la carenza di semiconduttori», che garantirà quindi la copertura salariale ai lavoratori anche per il periodo che va da domani al 30 settembre.

«Abbiamo chiesto ed ottenuto - hanno spiegato Biagio Trapani e Aniello Guarino, rispettivamente segretario generale e coordinatore settore automotive della Fim di Napoli - che l'azienda si facesse carico dei costi per la maturazione del rateo del mese in corso anche nel caso non si raggiungano i giorni lavorativi necessari. Ma ora urge un incontro con la Regione Campania e con l'Unione industriali per poter istituire un tavolo permanente di crisi e monitorare questa emergenza legata alla componentistica, che se non affrontata rischia di far perdere lavoro.

Video

Di questo passo, infatti, si rischia di portare al collasso l'intero settore automotive a Napoli e nell'indotto». «Vista la situazione critica della mancanza dei semiconduttori - spiegano in una nota Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Aqcfr - la firma di oggi è un risultato positivo anche se bisogna puntare ad una risoluzione definitiva che ci faccia uscire dagli ammortizzatori sociali definitivamente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA