Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Parco Verde e la morte di Antonio. L'audio choc: «Lei ha sollevato la tapparella e ha buttato giù il figlio»

Giovedì 23 Giugno 2016
Parco Verde e la morte di Antonio. L'audio choc: «Lei ha sollevato la tapparella e ha buttato giù il figlio»

«La tapparella era rotta, alzata a metà, lei l'ha sollevata ancora e ha buttato giù il figlio»: con queste parole - contenute in un file audio mandato in onda da Radio 1 Rai - Antonella Caputo, sorella di Raimondo Caputo - l'uomo in carcere con l'accusa di avere violentato e ucciso Fortuna Loffredo, la bimba di 6 anni precipitata dall'ottavo piano del palazzo dove abitava, nel Parco Verde di Caivano ( Napoli), il 24 giugno del 2014 - rivolge pesanti accuse alla compagna del fratello, madre di Antonio Giglio, il bimbo di 4 anni, morto un anno prima di Fortuna, in circostanze analoghe a quelle della piccola Fortuna. «L'ex marito la ricattava, - dice ancora la donna - non voleva farle vedere la creatura, e allora lei ha detto o con me o con nessuno». Le parole di Antonella Caputo, secondo quanto riferisce ancora Radio 1 Rai, hanno contribuito a far riaprire l'inchiesta sulla morte del piccolo Antonio.

CLICCA QUI PER ASCOLTARE L'AUDIO

Ultimo aggiornamento: 13:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA