«Formiche al San Giovanni Bosco, il primo assalto frutto del degrado»

di Ettore Mautone

Formiche in rianimazione al San Giovanni Bosco: sono stati riconosciuti non colpevoli, né responsabili - dunque non sanzionabili per contestazioni e addebiti - con archiviazione del procedimento disciplinare, i tre infermieri e due medici, dipendenti della Asl Napoli 1, impiegati nell'ospedale della Doganella e deferiti al Consiglio di disciplina all'inizio dello scorso gennaio all'indomani del primo avvistamento di formiche nel reparto di Rianimazione. I funzionari della Asl che hanno istruito la pratica, verificati i fatti, raccolti i documenti e le testimonianze col conforto di una relazione del servizio ispettivo centrale della Asl, hanno riconosciuto il corretto comportamento del personale. I sanitari di turno nel reparto - quando furono avvistate le formiche in rianimazione, con un singolo esemplare che aveva raggiunto il volto di un paziente - erano intenti a misurare la glicemia di un paziente e subito dopo notarono la presenza di alcune formiche sulle lenzuola alla presenza di familiari del paziente. Formiche che furono prontamente rimosse, il paziente lavato e le lenzuola cambiate. Allertati i coordinatori medici e infermieri, la colonia di insetti fu individuata provenire da una delle bocchette di aerazione e diffusa lungo i battiscopa. Cruciale la testimonianza della moglie del paziente che ha riportato il corretto comportamento degli infermieri di turno e dei medici successivamente accorsi.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 15 Marzo 2019, 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP