Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La rivolta del rione Salicelle: «No agli sgomberi annunciati da Salvini»

Venerdì 25 Gennaio 2019
La rivolta del rione Salicelle: «No agli sgomberi annunciati da Salvini»
Un centinaio di residenti del Rione Salicelle di Afragola ha avviato un «presidio permanente» davanti alla sede del Municipio per chiedere un incontro con il sindaco, Claudio Grillo, sugli sgomberi di abitazioni annunciati nel rione dopo la visita degli ministro degli Interni Matteo Salvini il 18 gennaio scorso. Tra i manifestanti vi sono anche assegnatari legittimi delle case, che risultano però morosi all'Iacp (Istituto autonomo case popolari).

«Tra noi - afferma un portavoce - ci sono assegnatari legittimi in ritardo con il canone, che chiedono di poter regolarizzare la propria posizione ed occupanti abusivi che hanno fruito della sanatoria del 2010. Questi ultimi pagano da anni un canone, anche più alto, senza ricevere garanzie né prestazioni dall' Iacp».

I manifestanti chiedono un incontro con l' amministrazione comunale, che finora ha rifiutato di incontrarli, per avviare la regolarizzazione delle posizioni
© RIPRODUZIONE RISERVATA