Napoli, consigliere regionale aggredito dal parcheggiatore abusivo davanti al teatro Bellini

Domenica 1 Dicembre 2019

«Un parcheggiatore abusivo mi ha aggredito e spinto nella serata di sabato all'esterno del Teatro Bellini, a Napoli. Mi si è scagliato contro non appena accortosi che lo stavo video-denunciando in diretta. Con i soliti modi da “brave persone che devono portare il pane a casa”, mi ha minacciato e spinto, per poi darsi alla fuga quando si è reso conto che stavo chiamando la polizia. Sono solo prepotenti e vigliacchi, non fermeranno la nostra battaglia». Lo dice Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.

LEGGI ANCHE Napoli, parcheggiatore abusivo arrestato con YouPol

«È il secondo episodio violento in un mese, ma se credono di metterci paura hanno sbagliato a fare i conti. Assurdo che, dopo la mia aggressione, la polizia - aggiunge Borrelli - non mi abbia potuto raggiungere in auto perché un autobus è rimasto incastrato per le auto. Una situazione figlia di un parcheggio selvaggio del sabato sera, orchestrato proprio dal parcheggiatore abusivo. Quando, a piedi, gli agenti mi hanno raggiunto, ho identificato il farabutto e l'ho denunciato. Si stanno ormai appropriando della nostra città, sono praticamente ovunque, e sembra che nessuno voglia fare qualcosa. C'è addirittura chi li difende, chi accetta mestamente quello che ormai è diventato un fenomeno quasi 'normalè. Ma non è affatto così in un Paese civile. Ma ci sono anche persone che sono stufe di questa situazione. In via Santa Maria di Costantinopoli, a due passi, un cittadino, grazie all'app YouPol, ha denunciato in tempo reale un parcheggiatore. La sua denuncia ha permesso l'arresto dell'abusivo che ha provato pure a scappare alla vista degli agenti. Non mi stancherò mai di chiedere al ministero dell'Interno, Lamorgese, di predisporre misure più dure per la repressione dei parcheggiatori abusivi e, soprattutto, la firma dei decreti per prevedere l'arresto» conclude l'esponente dei Verdi.

Ultimo aggiornamento: 2 Dicembre, 07:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA