Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Furgone travolge passanti a Napoli, uno muore: alla guida un giovane tossicodipendente

Venerdì 17 Giugno 2022 di Carla Cataldo
Furgone travolge passanti a Napoli, uno muore: alla guida un giovane tossicodipendente

Si è conclusa ieri intorno alle 19 la folle fuga di Francesco De Luca, il ventinovenne napoletano che ha seminato morte e panico nelle strade della provincia di Napoli. È lui, per gli inquirenti, l’uomo alla guida del furgone impazzito che ha investito tre passanti tra Volla e Cercola, uccidendone uno. Luigi Guadagno, 73enne travolto in viale del Progresso, a Cercola, non ha superato il delicato intervento a cui era stato sottoposto nel tentativo di suturare ferite terribili. De Luca si è consegnato ai carabinieri di Cercola. Dopo una caccia all’uomo durata sette ore il ventinovenne non ha retto la pressione dei militari che lo stavano braccando dopo che aveva abbandonato il furgone nel Rione De Gasperi a Ponticelli. Non gravi le condizioni delle due donne ferite, una donna di 40 anni, L.D.S., investita in via Verdi a Volla, e L.E., 47 anni, travolta dal furgone in viale del Progresso a Cercola. È stata l’ultima a cadere vittima dall’automobilista fuori controllo, che guidava probabilmente sotto l’effetto di droghe: dopo l’arresto l’uomo, tossicodipendente, è stato sottoposto ai test, i cui risultati sono attesi nelle prossime ore. Assistito dall’avvocato Giuliana Arrà, è stato interrogato: fino a sera è apparso poco lucido, fornendo risposte sconnesse. 


Alle 11.31 una donna vestita di nero sta camminando lungo viale del Progresso, a Cercola. Attraversa tranquillamente guardandosi alle spalle, poi continua a procedere ai bordi della carreggiata, costeggiando un terreno coltivato. Dal nulla però spunta un furgone bianco, un veicolo commerciale come tanti. Procede ad alta velocità. Quando si avvicina alla donna sterza bruscamente verso di lei. La vittima viene travolta e sbalzata nelle campagne, mentre il furgone scompare, inghiottito da una nuvola di polvere nell’angolo buio della telecamera di sorveglianza che riprende tutto. Venti secondi di pura follia racchiusi in un video che ieri ha fatto il giro del mondo. Il filmato del furgone impazzito che ha terrorizzato decine di persone. Ma la scena si era ripetuta almeno altre due volte, nel giro di pochi minuti, tra le strade di Cercola e quelle della vicina Volla. Alla centrale operativa dell’Asl 3 Sud erano arrivate, una dopo l’altra, diverse telefonate d’aiuto. Sette segnalazioni diverse di persone che raccontavano di essere state investite. Tutte travolte dal furgone bianco, tutte tra Cercola e Volla. Ma in tre saranno portate all’Ospedale del Mare, tra loro l’anziano arrivato in codice rosso.

Video


Mentre i feriti vengono trasportati d’urgenza in ospedale, i carabinieri avviano le indagini per trovare l’uomo che sta seminando il panico. In poco tempo vengono acquisiti i filmati dei sistemi di videosorveglianza delle due città a caccia di elementi che consentano di ricostruire il folle viaggio del furgone impazzito. Gli indizi raccolti conducono i carabinieri della caserma di Torre del Greco fino a via De Gasperi, una strada del quartiere Ponticelli, periferia di Napoli, dove trovano, parcheggiato alla bell’e meglio, il furgone bianco. La carrozzeria porta i segni di quella terribile mattinata di sangue e follia. Dentro però poche carte e nessun documento. I carabinieri ripartono da qui, a sirene spiegate, alla caccia del criminale. Una caccia che li porterà sulla strada di De Luca, nei confronti del quale, in serata, viene eseguito un decreto di fermo. È accusato di omicidio e tentato omicidio. Ai carabinieri darà risposte confuse. Ma c’è una certezza. Ai piedi del Vesuvio si è rischiata la strage.
 

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 22:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA