Gang dello spray al peperoncino:
tutte donne, è paura al Vomero

Lunedì 1 Aprile 2019 di Gennaro Di Biase
Baby gang «al femminile» crescono, e con nuove dannose specializzazioni. Negli ultimi giorni, in zona collinare, una banda dello spray scorrazza in scooter per le vie del Vomero, più precisamente in via Luca Giordano e dintorni, fino a via Tasso. La triste novità la racconta Ana Cristina Vaya Rodriguez, una cinquantenne spagnola innamorata di Napoli. L’altra sera, Ana è stata vittima della baby gang dello spray: «Ma non sono la sola – avvisa mostrando le foto del suo viso irritato dalle bolle dopo l’aggressione – Ho parlato con altre vittime che hanno subito lo stesso trattamento, sempre al Vomero. Mi sono spaventata moltissimo, anche perché ho un pacemaker». In queste ore, prima di ripartire per la penisola iberica, Ana ha presentato denuncia ai Carabinieri di Vomero Arenella: «Amo Napoli – continua la donna – E perciò l’accaduto mi fa ancora più male. Se tutti denunciamo questi episodi forse le cose in città miglioreranno». 

IL FATTO
Sono le 22 circa di domenica sera, cioè non così tardi. Ana sta attraversando uno degli incroci di via Luca Giordano, quello «all’angolo con via Pitlò». Una macchina le cede il passo, Ana sorride all’automobilista e riprende il cammino. Dietro la vettura, però intravede due motorini in agguato. Il primo dei due, con «due passeggeri di sesso femminile a bordo» - come si legge nella denuncia presentata ai carabinieri– inizia a scaricarle addosso, sui vestiti, sul volto e in testa, una bomboletta da cui esce «uno spray bianco di cui non saprei specificare meglio la natura». Sconvolta, Ana nota che una delle due ragazze è «biondina», poi si copre il volto. Pochi secondi e arriva il secondo «mezzo». Ana non ha nemmeno il tempo il tempo di comprendere, che una seconda «ondata di spray mi arriva dal secondo scooter». Anche qui, in sella, ci sono due ragazze.

 

La baby gang rosa. La donna, sempre domenica sera, si reca immediatamente dai carabinieri di Quattro Giornate, che le promettono immediatamente pattuglie in zona. «Ho ancora mal di testa - aggiunge Ana - Mi bruciano gli occhi e ho il volto molto irritato. Andrò presto da un medico». Di certo, a giudicare dai segni che le ha lasciato sul viso, lo spray era urticante. Ana vive a Siviglia, ha due figli e un marito napoletano. Ama Napoli e ci viene almeno ogni due mesi.

LO SFOGO
«Ecco perché l’accaduto mi fa ancora più male», spiega. La donna ha postato la sua delusione anche su Facebook: «Salve a tutti! – ha scritto – Sono una spagnola che ama Napoli e i napoletani. Ho sempre parlato bene di questa città, però oggi ho subito un disagio. Personalmente, sono molto triste per il modo in cui queste 4 persone giovani si ‘divertono’ e, più che un castigo, vorrei che capissero le conseguenze che i loro atti potrebbero causare». Ana ha ottenuto centinaia di like e decine di commenti di solidarietà in cui è stata taggata anche qualche altra probabile vittima della banda dello spray: «Mi dispiace, riprenditi presto», scrive Daniela Cassese. In un secondo post Ana ha poi trovato la forza per scrivere «Grazie a tutti per avermi mostrato amore e amicizia. L’amore cura il dolore. Grazie Napoli!».Ultimo aggiornamento: 2 Aprile, 07:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA