Gassmann: «Casa a Napoli? Sì, volentieri ma dovrò lavorare ancora un po'»

Gassmann, De Giovanni, Daniele
di Ilenia De Rosa

  • 5
«Casa a Napoli? Sì, volentieri: se lavoro ancora un po' magari posso permettermelo». Gassmann a margine della cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria scherza con i giornalisti, non si nega ai selfie e commenta con lo scrittore Maurizio De Giovanni e con l'assessore alla cultura Nino Daniele le emozioni vissute durante l'evento. «E' stato un momento molto bello, sentito, sincero» afferma l'artista. In tanti hanno chiesto autografi e fotografie all'attore protagonista de «I bastardi di Pizzofalcone», diventato cittadino di Napoli e «innamorato di una città aperta ai cambiamenti». 
 

«Ci tenevo molto che quella di oggi fosse una bella cosa, emotivamente forte. Voglio molto bene ad Alessandro» afferma De Giovanni. 
«Il laudatore ti loda mentre tu stai ancora interpretando i suoi personaggi: d'ora in avanti quindi non potrà più criticarti» scherza l'assessore Daniele rivolgendosi a Gassmann e riferendosi allo scrittore.
Lunedì 17 Dicembre 2018, 20:15 - Ultimo aggiornamento: 17-12-2018 22:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP