Giancarlo Siani, la Mehari verde torna per le strade di Torre Annunziata

ARTICOLI CORRELATI
di Oscar De Simone

La Mehari verde torna per le strade di Torre Annunziata. Si parte dal liceo statale Piragora - B. Croce, per un giro tra le vie della cittadina dove Giancarlo Siani lavorava come giornalista 30 anni fa.







Sono tutti in corteo, questa mattina, per quella che si configura come una festa di legalità e lotta alla camorra. "È importante avere Giancarlo cone simbolo della legalità" commenta il Magistrato Armando D'Alterio, "tutti i giovani presenti oggi devono ricordare il suo sacrificio".



Anche il sindaco Giosuè Starita ritiene questa giornata fondamentale per l'intera città. "Noi tutti stamane scendiamo in strada" dichiara il primo cittadino, "per urlare il nostro no alla criminalità. Tutti gli scolari ed i cittadini oggi si stringono in un grande abbraccio per il nostro Giancarlo Siani e per tutte le vittime innocenti".
Lunedì 21 Settembre 2015, 10:42 - Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 11:05



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2015-09-22 22:35:59
Non è Giancarlo Siani ad essere morto inutilmente, è la Camorra che vive inutilmente: meglio morire per qualcosa che vivere per servire solo a se stessi come un cancro.
2015-09-22 13:03:52
Purtroppo ho l'impressione che Giancarlo Siani sia morto inutilmente. La camorra fa dello spaccio della droga la sua principale forma di sussistenza, mi hanno addirittura detto che in una strada di Torre (via oplonnti) si spacci a cielo aperto sotto l'occhio vigile delle forze dell'ordine.
2015-09-21 14:36:59
Giancarlo Vive !!

QUICKMAP